Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Forza Italia «Divergenze in maggioranza, Giunta e Pd: così si danneggiano i cittadini»

Più informazioni su

SCARLINO – «Le divergenze interne al centrosinistra scarlinese sono ormai all’ordine del giorno, come fanno sapere gli stessi rappresentanti dei partiti che sono stati coinvolti a più riprese in un maxi-rimpasto. Prima di giunta, poi del Pd e adesso dell’intera maggioranza». A parlare è Forza Italia Scarlino.

«Basti ricordare che cosa è successo negli ultimi tempi – afferma Forza Italia -. Pochi mesi fa le dimissioni del vicesindaco di Scarlino Moreno Radi, motivate da divergenze interne, poi le dimissioni del segretario comunale del Pd Sandro Pinzaferri, sostituito da un coordinamento formato da quattro componenti. E adesso nasce anche un nuovo gruppo consiliare di sinistra, evidentemente in disaccordo con i Democratici, nel quale rientrano tre esponenti tra cui l’ex capogruppo Pd Roberto Fanelli. Intanto l’amministrazione comunale di centrosinistra resta bloccata, in una fase di stallo che rischia di danneggiare Scarlino e i suoi cittadini: non vorremmo che i recenti terremoti in giunta e nella maggioranza peggiorassero ulteriormente le cose, mettendo addirittura i bastoni tra le ruote a Marcello Stella, un sindaco già in evidente difficoltà. Il tutto a discapito dei cittadini».

«Chiediamo proprio a Stella di giustificare quanto sta accadendo in queste settimane: vorremmo spiegazioni ufficiali e trasparenti nel corso del prossimo Consiglio comunale, perché è questo che chiede la popolazione. Stiamo infatti assistendo, a quanto pare, a un’ulteriore svolta a sinistra a cui si aggiunge il ritorno all’interno del Pd (anche nel direttivo che va a sostituire Pinzaferri) di personaggi che già nel corso delle scorse legislature avevano creato problemi alla maggioranza. Noi continueremo a vigilare sull’operato della giunta e più in generale della maggioranza, perché il timore è che l’interesse dei singoli possa prevalere su quello della comunità. Se non esiste più una maggioranza compatta – conclude – è il caso di lasciare il posto a chi ha tutte le carte in regola per amministrare il Comune».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.