Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Patto per la sicurezza: entrano altri cinque Comuni. Più controlli coordinati sul territorio

GROSSETO – Altri cinque Comuni entrano a far parte del Patto per la Sicurezza. Si tratta di Arcidosso, Castel del Piano, Civitella Paganico, Roccastrada e Scarlino. La firma per la loro adesione è in programma mercoledì prossimo (5 ottobre) quando in prefettura i cinque sindaci sigleranno i protocolli d’intesa.

Il Patto per la Sicurezza, attivo già dal 2015, vede già la partecipazione insieme alla prefettura alla Provincia e alla Regione, dei Comuni di Grosseto, Castiglione della Pescaia, Follonica, Gavorrano, Monte Argentario e Orbetello.

Il Patto rappresenta, nell’ambito delle politiche di sicurezza integrata, uno strumento per perseguire aggiornati modelli di governo della sicurezza pubblica e della sicurezza urbana, anche mediante la previsione di iniziative volte a favorire la vivibilità del territorio e la qualità della vita, coniugando prevenzione, mediazione dei conflitti, controllo e repressione.

Le finalità del Patto vengono perseguite attraverso l’attività di tre Tavoli Tecnici preposti alla realizzazione di progetti, nelle aree tematiche individuate: controllo del territorio – sicurezza stradale – videosorveglianza; prevenzione sociale – educazione alla legalità – aree di degrado; prevenzione antimafia– lavoro irregolare e sicurezza sul lavoro, che saranno valutati dalla Cabina di Regia, organo di governo del Patto. I Comuni sottoscrittori si impegnano a conferire risorse per finanziarie, di specifici progetti per la realizzazione di interventi per la sicurezza urbana. La Prefettura di Grosseto rinnova l’ impegno a fornire periodicamente i dati statistici sulla criminalità nei singoli territori comunali e a collaborare ad iniziative pubbliche degli Enti territoriali sul tema della sicurezza.

Saranno inoltre pianificati, in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, anche sulla base di informazioni fornite dagli enti territoriali, mirati servizi di prevenzione, controllo e contrasto dei fenomeni illegali, unitamente a valutazioni congiunte su specifiche situazioni problematiche relative alla sicurezza urbana.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.