Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Mare più sicuro con i cani bagnino: 18 volontari e tanti interventi in spiaggia

Al termine della stagione balneare, la sezione follonichese della Società Nazionale di Salvamento, traccia il bilancio della propria attività

Più informazioni su

FOLLONICA – Con oltre 250 ore di servizio, 18 volontari di cui 4 unità cinofile ed 1 gommone attrezzato per il soccorso, la Società Nazionale di Salvamento – Sezione di Follonica, sotto il coordinamento della Guardia Costiera, ha controllato e monitorato la costa del Golfo di Follonica da inizio Giugno a fine Settembre. Attraverso il proprio operato, sono stati effettuati svariati interventi di soccorso ai bagnanti (tra cui 1 salvataggio di una donna che rischiava l’annegamento), interventi di ricerca e salvataggio in appoggio ai mezzi della Guardia Costiera e numerosi interventi di primo soccorso.

Sono queste le attività svolte nell’ambito del progetto “Mare Sicuro 2016″ dalla sezione follonichese della Società Nazionale di Salvamento, che per la stagione balneare appena trascorsa, disponeva di una postazione di soccorso nel tratto di spiaggia libera a Nord del Fosso Cervia, un tratto di litorale che prima dei lavori di ripascimento non esisteva (si tratta di circa 1 chilometro di spiaggia dove non era prevista nessuna tipologia di controllo per i turisti che frequentavano quel tratto di litorale).
Al fine di rendere un servizio ai bagnanti altamente qualificato, è stato messo a disposizione  personale in possesso di brevetto di bagnino di salvataggio, certificazione all’uso del defibrillatore, abilitazione al primo soccorso ed unità cinofile brevettate al soccorso in acqua.

Al termine della stagione, la Società Nazionale Salvamento – Sez.ne di Follonica, in collaborazione con CRI e Guardia Costiera, ha avuto inoltre il piacere e l’onore di ospitare una delegazione della WOPR (associazione polacca di soccorso nautico), giunta nel Golfo tramite il progetto Erasmus per effettuare formazione professionale riguardo le tecniche di soccorso in acqua utilizzate in Italia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.