Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Grifone, Lisai predica cattiveria e concentrazione: «Da trovare un metodo che ci renda sicuri»

GROSSETO – Cattiveria e concentrazione. E’ quanto più occorre al Grosseto per raddrizzare un avvio di campionato con appena un punto in tre match. Lo pensa il centrocampista Giancarlo Lisai, classe 1989, domenica in campo dal primo minuto nella partita con il Montecatini: un debutto amarissimo, con la vittoria in rimonta dei senesi. “Sono pronto a giocare ancora, ho sempre lavorato sodo come gli altri – ha detto – purtroppo in queste prime tre partite non abbiamo raccolto ciò che volevamo, ma siamo consapevoli di avere delle capacità. Con un pizzico in più di cattiveria e concentrazione avremmo raccolto qualcosa in più. Gli espulsi? Errori di superficialità e poca concentrazione, che poi si pagano cari. Dovremo evitare qualsiasi errore, bisogna essere pronti a gestire mentalmente ogni partita. Per ora non ci sono ancora squadre che abbiano allungato più di tanto, c’è ancora la possibilità di raddrizzare la situazione. Non vedo nessuna squadra che possa prendere il largo, è un campionato abbastanza livellato”.

Lisai è motivato, sintetico e soprattutto non cerca scusanti. Ammette delle difficoltà per aver cambiato due volte allenatore e soprattutto per il diverso modo di allenare di mister Sanna rispetto ad Agovino. “Serve trovare un’inquadratura e un metodo di gioco che ci renda sicuri – ha detto – la squadra è stata costruita per vincere ma non è semplice imboccare la strada giusta. Ci vuole tempo per assestare il tutto, per capire cosa vuole l’allenatore, per affrontare al meglio domenica dopo domenica. Col mister Sanna siamo portati a tirare fuori di più nostre caratteristiche, giochiamo più offensivi, più spregiudicati. Mi trovo bene ovunque, in qualunque punto del campo, ma meglio come esterno di centrocampo, che è il mio vero ruolo, ma ovunque dovesse essere andrà bene. Se i nostri under sono all’altezza? Si, sono una carta vincente, sono convinto che possano aiutarci a fare bene. Non è facile trovarne di già pronti a giocare in questa categoria”.

Cautela nel parlare dell’atteggiamento degli arbitri finora incontrati, tutti particolarmente fiscali e severi coi torelli. “Qualche volta possono averci penalizzato – ha detto – ma sono parole che vanno al vento, non ci vogliamo pensare”. L’attenzione è già alla trasferta contro il Real Querceta. “Conosco un paio di giocatori del Querceta – ha detto Lisai – è una squadra organizzata, con discrete individualità, ma cercheremo di andare là e fare la nostra partita”.

Una piccola novità in casa biancorossa: c’è un nuovo portiere in prova, di cui non sono state dichiarate provenienza ed età.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.