Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Santa Lucia festeggia i 50 anni dall’arrivo dei frati cappuccini a Grosseto

GROSSETO – Era il settembre del 1966 quando i primi tre frati cappuccini, p. Vittore Parri, p. Lamberto Bigagli e p. Giorgio Pantini, arrivarono a Grosseto.

La Provincia Toscana dell’Ordine francescano aveva accettato la richiesta di vescovo Galeazzi di impiantare in Maremma una presenza cappuccina. Ai frati col saio, il cingolo, la barba e i sandali furono affidate tre parrocchie: Pian d’Alma, Castiglione della Pescaia e, appunto, Santa Lucia a Grosseto. Legalmente la parrocchia era stata eretta nel 1964, ma ancora non c’erano né la chiesa, né la canonica.

A dire il vero non c’erano neppure molte case in quell’area che oggi conosciamo come Verde Maremma. C’erano campi, case popolari che avevano accolto molti immigrati, c’era il passaggio a livello. Il quartiere Barbanella appariva come una piccola città dentro la città. I Cappuccini col loro carisma francescano hanno inciso profondamente nella formazione del quartiere, aiutandolo ad assumere i contorni di una comunità.

Sono passati esattamente cinquant’anni dal loro arrivo a Grosseto e la parrocchia di santa Lucia, che molto deve ai frati che si sono succeduti (chi per periodi più lunghi, chi più brevi) nella cura della comunità cristiana, vuole festeggiare questo importante anniversario.

Lo farà mercoledì 14 settembre, con una sorta di “anteprima” della 49esima edizione della Festa di Santa Lucia, anch’essa frutto di una felice intuizione di p. Vittore Parri, primo parroco (1966-1977), fondatore della parrocchia e della Gioventù Francescana, nonché inventore della festa stessa.

“Sarà il nostro modo – dicono dall’associazione Santa Lucia, il braccio operativo della parrocchia nella organizzazione della festa stessa – per dire grazie al Signore della presenza tra noi dei Cappuccini, di coloro che già sono davanti a Dio e di coloro che hanno lasciato una loro impronta tra noi”.

Per l’occasione torneranno, infatti, a Grosseto alcuni dei frati che hanno vissuto parte del loro ministero a Santa Lucia. “Non tutti potranno essere presenti a causa di impegni precedentemente presi – dicono ancora dall’associazione – ma molti saranno tra noi e sarà un momento bello per dirsi nuovamente e reciprocamente grazie”.

Parteciperanno senz’altro alla festa gli ex parroci p. Mario Giovacchini (1984-2001), negli ultimi quattro anni alla guida della parrocchia della SS. Trinità a Livorno, che a settembre farà il suo ingresso – sempre da parroco – nella comunità di san Francesco e santa Chiara a Firenze; e p. Luigi Senesi (2001-2004), negli ultimi dodici anni assistente toscano dell’Ordine Francescano Secolare. Hanno assicurato la loro presenza altri religiosi, compresi coloro che, a partire dai primi anni ’70, giunsero a Grosseto come cappellani dell’ospedale Misericordia.

Il programma della giornata

ore 18: Messa solenne presieduta dal vescovo Rodolfo e concelebrata dal ministro provinciale dei Cappuccini della Toscana, da numerosi frati e sacerdoti

ore 19: Processione in onore di santa Lucia per le vie del quartiere. Itinerario: via Pirandello, via Manzoni, attraversamento di via Giusti, via Pascoli, via Collodi, di nuovo attraversamento di via Giusti, via Cavalcanti e conclusione nel parco p. Vittore Lino Parri.

Ai presenti sarà offerta una cena-buffet nel ristorante della festa “Simone Pellegrini”

ore 21: serata amarcord coi frati per raccontarsi questi cinquant’anni insieme

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.