Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bracconiere uccide femmina di cinghiale con i cuccioli «Sentivamo gli strilli dell’animale»

Più informazioni su

CALDANA – Da tempo si dedicava alla caccia al cinghiale di frodo nelle ore notturne nei boschi di Caldana. Ogni settimana lo si sentiva sparare, e dopo l’ultimo agguato avevano sentito a lungo un cinghiale colpito a morte stridere di dolore. Proprio i lamenti dell’animale avevano spinto una persona, la settimana scorsa, a chiamare il personale di vigilanza raccontando come “le grida del povero animale fossero strazianti”.

Alcuni giorni dopo alcuni cuccioli di cinghiali sono stati trovati mentre vagavano nel luogo dello sparo, altri  sono stati trovati  morti: probabilmente ad essere ferita a morte era stata la mamma.

A questo punto sono partite le indagini della guardie zoofile ambientali della Lac: nel luogo della caccia di frodo erano sono state trovate delle grosse pietre per coprire i foraggiamenti,  la presenza di  sangue, un pallettone conficcato in una pianta,  e a poca distanza una scaletta artigianale fissa  per salire su una pianta dove era posizionata una tavola per sedersi ed attendere i cinghiali. Dopo qualche giorno gli agenti hanno scoperto che sotto le grosse pietre era stato  nuovamente messo del mais,  proprio per attirare i cinghiali.

Sabato sera gli agenti della LAC si sono appostati poco distanti, hanno visto  arrivare il bracconiere, un giovane caldanese, con la propria auto, scendere, caricare l’arma e salire sulla scaletta per appostarsi.

Dopo qualche ora, giunta la notte il bracconiere non vedendo arrivare i cinghiali è+ sceso per tornare verso l’auto dove è stato fermato. L’uomo, con regolare licenza di caccia,  aveva anche aumentato la potenza  dell’arma  ponendo sopra  le canne una torcia munita di calamita e accensione posta vicino il grilletto.

Sul posto è sopraggiunta anche una pattuglia della polizia provinciale di Grosseto che ha provveduto  a sequestrare   l’arma, una doppietta calibro 12 con relativa  torcia, due munizioni a palla e una munizione  a pallettoni.

L’uomo è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Grosseto per esercizio di caccia in periodo di divieto generale, uso di mezzi vietati per l’attività  venatoria,   alterazione di arma per renderla più efficacia, uso di cartucce a pallettoni per la caccia agli ungulati e per  foraggianto abusivo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Quinterno Soldi

    Scusate redattori de Il giunco.net, come mai i miei due commenti sia al bracconiere, sia al gattile non sono stati pubblicati?

    1. Daniele Reali
      Scritto da Daniele Reali

      Li abbiamo cancellati perché nei commenti venivano utilizzate parole che abbiamo ritenuto non idonee.

      1. Scritto da Quinterno Soldi

        Grazie della risposta. Quando vengono toccati i bambini, ho due nipotini maschio e femmina bellissimi come tutti i bambini, e ho avuto due stupende gatte tenute con amore per 17 e 18 anni ambedue morte con enorme pena mia e di mia moglie, allora non posso esimermi da commentare (quando possibile beninteso) con espressioni appropriate verso gli autori di episodi di violenza gratuita verso “animali”. Vi assicuro che mi sono limitato usando anche eufemismi!