Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La Cgil avverte: «attenta Grosseto, Forza Nuova e Deceris sono movimenti neo fascisti»

Il sindacato: «Nessun allarmismo, ma consapevolezza del fatto che promuovono, razzismo, xenofobia, omofobia e intolleranza. La società grossetana apra gli occhi»

GROSSETO – «Forza Nuova, così come la Deceris, CasaPound, sono alcune delle formazioni politiche sotto le cui insegne si sta riorganizzando oramai da vent’anni il neofascismo militante italiano, collegato alle reti europee dell’ultradestra xenofoba, razzista e omofoba». Inizia così la nota della Cgil che avverte sulla collocazione politica dei due movimenti.

«Il fatto che dopo La Deceris, anche Forza Nuova abbia aperto una sede a Grosseto, per la Cgil non è un bel segnale. Al momento non c’interessa entrare in considerazioni di tipo più strettamente politico, che pure avrebbero un loro solido fondamento. Vogliamo però mettere sul chi vive la società civile grossetana, perché Forza Nuova è portatrice di idee incompatibili con una società moderna, basata sul rispetto dei diritti delle persone e di tutte le minoranze, sul multiculturalismo e la tolleranza».

«Le polemiche costruite a tavolino con l’Anpi, accusata di seminare un odio da anni di piombo, fanno parte di un repertorio collaudato del quale il neofascismo militante si serve con disinvoltura. Non ci stupiamo, né ci impressioniamo. Tuttavia è bene che i grossetani sappiano che nel nostro tessuto cittadino ci sono formazioni che fanno dell’intolleranza la propria bandiera, cercando di ‘nobilitare’ omofobia e xenofobia con generici richiami all’italianità, alla nazione e all’orgoglio nazionale. Il fatto che non si dichiarino apertamente neofascisti viene costantemente smentito dall’irrefrenabile e grottesca passione per i saluti romani (che la Cassazione ha appena qualificato come reato), oppure dal richiamo, nientemeno, che Forza Nuova fa alla famigerata “Guardia di ferro” rumena, partito fascista fondato nel 1927. Il tutto condito da richiami impropri alla tradizione cristiana».

«A proposito di anni di piombo, il leader storico di Forza Nuova Roberto Fiore – intervenuto a Grosseto a inaugurare la sede – è stato militante di primo piano di Terza Posizione e Nuclei armati rivoluzionari (Nar) nonché condannato nel 1985 per il reato di associazione sovversiva e banda armata».

«Non ricordiamo tutto questo con spirito polemico, ma con la preoccupazione che qualcuno possa sottovalutare o equivocare. Perché, a prescindere dagli orientamenti politici di ciascuno di noi, è importante una fermezza condivisa nel rifiuto di qualunque forma di neofascismo. Nel rispetto dei principi sanciti dalla nostra Costituzione».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.