Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Profughi a Capalbio, Nicchi e Sabatini: “Il Pd non ha più niente di democratico”

E poi la proposta: “Ci rendiamo disponibili per lezioni d’italiano, laboratori culturali, assistenza medica”. Gli esponenti di Sinistra Italiana: “Assurdo fare le barricate per 1 profugo ogni 100 abitanti”

CAPALBIO – “50 profughi a Capalbio equivalgono a un profugo ogni 100 abitanti. Il Comune non può fare le barricate per un numero così esiguo di richiedenti asilo, persone che scappano da fame, guerra e miseria. Il sindaco deve assumersi le proprie responsabilità, come hanno fatto decine e decine di Comuni toscani di fronte a questa emergenza. Il Partito Democratico ormai non ha più niente né di democratico né di sinistra e adesso chiude le porte perfino a 50 richiedenti asilo. Noi di Sinistra Italiana, per agevolare l’accoglienza, ci rendiamo disponibili a tenere volontariamente per i profughi lezioni di italiano, laboratori culturali, assistenza medica”.

E’ il commento degli esponenti di Sinistra Italiana Marisa Nicchi (deputata) e Marco Sabatini (coordinatore grossetano) di fronte alla posizione del sindaco Luigi Bellumori sulla questione dell’arrivo di 50 profughi a Capalbio.

Secondo Nicchi e Sabatini, “invece di farsi cogliere da ansie e isterismi, l’amministrazione di Capalbio ha il dovere dell’accoglienza e quello di tradurre l’arrivo ei profughi in una risorsa piuttosto che in una minaccia. Le opportunità ci sono, ma il sindaco Pd sembra proprio non vederle”.

Infine i tre esponenti di Sinistra Italiana dicono: “La storia di Capalbio è fatta di migrazioni e quella storia non può essere cancellata. Le esternazioni del sindaco hanno fatto emergere tutte le contraddizioni di un Partito, quello Democratico, il cui percorso sembra giunto all’ultima spiaggia”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.