Ri-Creazione: il progetto di educazione ambientale che insegna a riutilizzare i rifiuti

Realizzato in collaborazione con SEI Toscana, di 250 classi fra elementari e medie, con 70 comuni toscani interessati. Fino al 15 agosto, all’intero di Festambiente, presente la Stazione Ecologica Itinerante con omaggi per i visitatori

GROSSETO – 5000 bambini, 250 classi fra scuole elementari e medie e 70 comuni dislocati nelle province di Arezzo, Grosseto e Siena. Questi i numeri di “Ri-creazione. Da oggetto a rifiuto e ritorno”, il progetto realizzato da Legambiente e Sei Toscana che mira ad insegnare ai ragazzi come riciclare e riutilizzare i rifiuti. Più di 30 visite ai diversi impianti e strutture di raccolta presenti sul territorio, che hanno permesso ai ragazzi di vedere concretamente la catena dei rifiuti, comprendendo in maniera precisa l’importanza di una corretta raccolta differenziata.

Un successo certificato dalla grande partecipazione e dalla crescente consapevolezza dimostrata dai ragazzi partecipanti, che possono così accrescere il proprio bagaglio culturale sul tema in questione e contribuire a diffondere le buone pratiche da seguire. Grosseto, Arezzo e Siena i tre capoluoghi Toscani interessati dall’iniziativa, assieme a oltre 60 comuni della Toscana del sud che hanno aderito con entusiasmo.

Tutto pronto per il secondo anno di attività, che avrà inizio dal prossimo ottobre, e che avrà l’obiettivo di coinvolgere un numero sempre maggiore di classi e scuole dei comuni dell’Ato Toscana Sud.

E proprio a Festambiente è stata presentata la Stazione Ecologica Itinerante, un furgone appositamente allestito dove poter conferire rifiuti speciali (batterie, lampadine, ecc.), che rimarrà all’interno della festa fino al 15 agosto. Ogni persona che porterà alla Stazione i propri rifiuti, riceverà omaggi tra i quali anche biglietti gratuiti per Festambiente.

Commenti