Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cgil, cambia la segreteria. Renzetti: «Pronti alle nuove sfide»

Renzetti: «organismi rinnovati. Da settembre ci aspettano nuovi impegni. Attenzione a sanità e servizi pubblici locali, in evoluzione con i nuovi equilibri di Area vasta» 

Più informazioni su

GROSSETO – La Cgil grossetana imprime un’accelerazione in termini politico-organizzativi prima della breve pausa di ferragosto, per essere pronta a presidiare l’evoluzione del mondo del lavoro e dei servizi pubblici sin dalla fine del mese. Mercoledì 3 agosto il Comitato direttivo ha nominato Morena Mancorti nuova direttrice del patronato Inca, che subentra a Giancarlo Baricci, ritiratosi in pensione.

Subito dopo, l’Assemblea generale della Cgil (il nuovo organismo che fra le sue funzioni ha l’elezione degli organi dirigenti) ha reintegrato due membri uscenti della segreteria della Camera del lavoro di Grosseto. Al posto di Laura Lambardi e Carla Burgassi, infatti, sono stati eletti Anna Pizzetti dello Spi e Andrea Ferretti, segretario generale di Filcams e Nidil, che si sono aggregati alla segreteria composta da Claudio Renzetti, Paola Pancellini e Furio Santini.

A concludere i lavori, Dalida Angelini segretaria generale della Cgil Toscana.

«In questa fase – dichiara Claudio Renzetti, segretario della Camera del lavoro grossetana – il nostro obiettivo era quello di chiudere alcune questioni organizzative interne per essere operativi al momento della ripresa delle attività dopo la breve pausa di Ferragosto. In assemblea generale abbiamo fatto un’analisi degli scenari di area vasta rispetto ai mutati equilibri politici, e ci siamo dati l’obiettivo di presidiare in modo forte l’evoluzione dei servizi socio sanitari, e in generale i servizi pubblici locali: acqua, depurazione, ciclo dei rifiuti e trasporto pubblico. Tutti servizi determinanti per la qualità della vita delle persone nei quali sono impegnate decine di migliaia di lavoratori.

Forti delle 20.000 firme raccolte per i tre referendum abrogativi e per la Carta dei diritti universali del lavoro, infine, abbiamo programmato alcune iniziative per la raccolta delle firme a sostegno della proposta di legge popolare sulla Carta dei diritti che si concluderà a fine settembre».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.