Ricerche geotermiche a Bagnolo: il Comune è contrario

Più informazioni su

SANTA FIORA – Le perforazioni profonde che la società Tosco Geo srl vorrebbe realizzare nei pressi di Bagnolo in località Lorentano nel territorio di Santa Fiora non sono ammissibili e neppure compatibili con gli indirizzi espressi dal Comune.

 Due fori geotermici, benché esplorativi, non possono essere autorizzati in un’area “vergine” come quella bagnolese senza una Valutazione di Impatto Ambientale, sia per motivi tecnici che per motivi di opportunità.

Il permesso di ricerca per fluidi geotermici denominato “Bagnolo” insiste nei comuni di Santa Fiora, Piancastagnaio e Abbadia S.S ed è stato richiesto alla Regione e prevede la realizzazione di una rete microsismica e due perforazioni profonde. Tosco Geo srl ha seguito questa procedura amministrativa cercando di evitare la Valutazione di Impatto Ambientale, ma l’istanza prevede che, dopo la raccolta dei pareri da parte dei singoli Comuni interessati, delle unioni dei comuni, delle province, dei vari uffici regionali oltre che della Soprintendenza e delle associazioni o singoli cittadini, il nucleo di valutazione regionale degli uffici della VIA esprima un parere in merito, che viene poi ratificato con una delibera di giunta regionale.

Il progetto è stato pubblicato in data 13 luglio sul sito internet della VIA, ci sono 45 giorni di tempo per presentare agli uffici regionali osservazioni tecniche in merito e quindi fino a lunedì 29 agosto 2016. Il Comune di Santa Fiora nei prossimi giorni presenterà le proprie osservazioni critiche in merito.

I lavori di esplorazione di Tosco Geo srl a Bagnolo sono soltanto un progetto, non sono in programma e, a nostro parere, non sono neppure possibili nel futuro sia per motivi tecnici che per un equilibrio ambientale dell’area.

Sono molti i motivi tecnici ostativi: il posizionamento ipotizzato per le esplorazioni  è estremamente prossimo al bordo sud del permesso di ricerca e pertanto dovrebbero andare in deroga alla vigente normativa di settore; non si capisce, poi, come possa essere trovata, all’interno della concessione, un’area idonea ad una centrale, e dove sia possibile, in tal caso, reperire altro fluido con ulteriori pozzi; non è valutato l’effetto cumulo con le vicine centrali di Piancastagnaio e Bagnore e la prossimità alla cintura dei paesi che impone una cautela ed una costante riflessione su nuove attività geotermiche nel territorio comunale

 La Tosco Geo srl dovrà ripensare i propri progetti su Bagnolo e recedere dall’iniziativa; in caso contrario incorrerà nell’opposizione e nel contrasto in ogni sede del Comune di Santa Fiora.

Più informazioni su

Commenti