Quantcast

Bye Byte: anche a Grosseto la nuova Carta di Identità Elettronica

Più informazioni su

A cura di Ludwig Bargagli, presidente dell’associazione GuruAtWork

Da luglio 2016 inizia l’emissione della nuova Carta d’Identità Elettronica (CIE). L’attivazione della nuova Carta avverrà in modo graduale, partendo dai comuni che emettevano la versione precedente della CIE e da alcuni comuni pilota nella sperimentazione della Anagrafe nazionale della popolazione residente (ANPR). I comuni coinvolti saranno più di 200, tra quali è presente il Comune di Grosseto.

I dispositivi per il processo di emissione della nuova Carta saranno installati presso i comuni tra il 4 luglio e il 16 settembre 2016. Non appena le postazioni di emissione saranno operative, non sarà più possibile l’emissione della carta di identità in formato cartaceo.

Naturalmente le carte d’identità in formato cartaceo e in formato elettronico, rilasciate prima della data di partenza dell’emissione della nuova CIE, mantengono la propria validità fino alla scadenza.

I cittadini potranno richiedere la nuova CIE al Comune di residenza o di dimora in caso di primo rilascio, scadenza, deterioramento, smarrimento o furto del documento di identificazione.

Nella nuova CIE saranno presenti, oltre ai dati anagrafici, anche il codice fiscale, le impronte digitali e gli estremi dell’atto di nascita.

Dopo aver verificato se il proprio comune ha attivo il servizio di emissione della CIE, per ottenere la carta sarà possibile prenotare un appuntamento sul sito agendacie.interno.gov.it.

Come riportato dal sito del Ministero dell’Interno, per richiedere la CIE il cittadino dovrà recarsi in Comune munito di fototessera in formato cartaceo o elettronico (su un supporto USB). È consigliato, all’atto della richiesta, essere in possesso del proprio codice fiscale o della tessera sanitaria. Prima di avviare la pratica di rilascio della Carta di Identità Elettronica sarà necessario versare, presso le casse del Comune, la somma di € 16,79 oltre i diritti fissi e di segreteria.

Il cittadino, al momento della domanda: potrà fornire, se lo desidera, un indirizzo di contatto per essere informato della spedizione del nuovo documento; dovrà indicare la modalità con la quale vuole ritirare il documento (consegna presso un indirizzo indicato o ritiro in Comune); dovrà fornire la propria fotografia; dovrà far acquisire le proprie impronte digitali; potrà fornire il consenso oppure il diniego alla donazione degli organi. Riceverà la CIE all’indirizzo indicato entro 6 giorni lavorativi dalla richiesta.

Più informazioni su

Commenti