Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Attacchi lupi: “Regione e governo stanzino più risorse per Maremma e senese”

Il presidente Santarelli e il direttore Righini intervengono dopo l’ennesimo attacca a un gregge da parte dei lupi. “Solidarietà agli allevatori della Maremma. Insieme a loro per chiedere che sia affrontata emergenza predazioni”

Più informazioni su

GROSSETO – “Esprimiamo la nostra solidarietà agli allevatori che, ormai da troppo tempo, vivono sotto assedio per colpa dei continui attacchi ai greggi da parte di lupi o ibridi. Chiediamo che la Regione Toscana e il governo intervengano subito sia stanziando ulteriori risorse per gli indennizzi che mettendo in campo azioni concrete di prevenzione e controllo”. Con queste parole Carlo Santarelli e Andrea Righini, rispettivamente presidente e direttore Consorzio tutela Pecorino Toscano DOP intervengono all’indomani dell’ennesimo attacco dei lupi avvenuto a Scansano.

“Non c’è più un minuto da perdere. Gli allevatori della Maremma e della provincia di Siena – affermano i rappresentanti del Consorzio – si sentono soli e inermi di fronte al rischio di vedere messi in ginocchio la loro attività e il loro lavoro. Oltre al danno economico evidente, inizia a diffondersi anche la paura di essere attaccati in prima persona dai lupi o dagli ibridi che mostrano di essere sempre più aggressivi e di non avere paura dell’uomo. I dati parlano chiaro: il Corpo forestale ha rilevato che nel 2015 nella sola provincia di Grosseto sono avvenuti 476 attacchi di lupi o ibridi, con 1.210 capi morti tra pecore e agnelli”.

“Ci accompagniamo alle richieste degli allevatori – concludono Santarelli e Righini – di accelerare i tempi per lo stanziamento di ulteriori risorse per gli indennizzi e di rendere più semplice la burocrazia per accedere a quelli già messi in campo dalla Regione Toscana. Per garantire la continuità degli allevamenti e per arginare la progressiva tendenza a cessare la propria attività, chiediamo che la Regione insieme al governo studi e dia attuazione ad azioni di prevenzione, riduzione delle predazioni e controllo del randagismo canino e degli ibridi. Gli allevatori hanno bisogno di risposte per affrontare questa emergenza. Ognuno di loro è fondamentale per l’economia e l’identità toscana, ma soprattutto per garantire ai nostri prodotti quella qualità che li rendono unici e così richiesti in Italia e all’estero”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.