Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Video e accuse, la campagna si infiamma: il consigliere lo posta, Vivarelli Colonna lo denuncia

GROSSETO – A quattro giorni dal ballottaggio la campagna elettorale si infiamma e arrivano le prime querele tra candidati. A scatenare le polemiche sul web è un video che è stato postato da Marco Di Giacopo, candidato del Partito democratico e appena eletto consigliere comunale. Di Giacopo ha postato sul suo profilo un video ripreso da una “diretta live realizzata dal profilo di Vivarelli Colonna Sindaco” nel quale il candidato del centrodestra parla con alcune persone durante un’iniziativa elettorale.

«Video tratto dalla cronaca di una cena di sostegno di Vivarelli Colonna – scrive Di Giacopo a commento del video  – Un gruppo di giovani della Deceris di Casa Pound informano di aver strappato i manifesti e Vivarelli approva, ridendo, l’atto illegale. Affidabile?». Parole per le quali Vivarelli Colonna ha dato mandato al suo legale, l’avvocato Marco Cutini, di querelare Di Giacopo per diffamazione a mezzo stampa. La denuncia sarà depositata domani mattina.

Secondo Di Giacopo le persone che parlano nel video, così come riportato con i sottotitoli in sovrimpressione, ammetterebbero di aver strappato i manifesti degli avversari politici, mentre Vivarelli Colonna smentisce categoricamente quella versione, affermando che le persone riprese nel video dicono il contrario e cioè che i manifesti sono stati strappati alla loro parte politica dagli avversari.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.