Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ecco chi entra in consiglio: gli scenari di maggioranza e opposizione a Grosseto

Più informazioni su

GROSSETO – Due ipotesi, due differenti composizioni per il Consiglio comunale di Grosseto che si modellerà a seconda di chi sarà a vincere il ballottaggio. In entrambi i casi la coalizione vincente porterà a casa 19 consiglieri, mentre all’opposizione ne andranno 13. Ovviamente i conti vengono fatti allo stato attuale, vedendo le preferenze prese dai candidati consiglieri, anche se non sono ancora del tutto definitive.

Due gli scenari possibili, dicevamo: in caso di vittoria di Antonfrancesco Vivarelli Colonna i seggi sarebbero così suddivisi: 6 alla lista del sindaco, 4 alla Lega, 4 a Forza Italia, 4 a Fratelli d’Italia e 1 alla Maremma migliore. In questo caso all’opposizione andrebbero Lorenzo Mascagni e Giacomo Gori (visto che tutte le altre liste non hanno superato la soglia del 3%). In consiglio entrerebbe Lorenzo Mascagni più 4 candidati per il pd, 2 per la lista del sindaco e 1 per Passione per Grosseto.

Per il Movimento 5 Stelle, oltre a Gori, entrerebbero in consiglio altre 4 persone.

Se a vincere dovesse essere invece la lista che sosteneva Lorenzo Mascagni sarà lui a portare a casa i 19 consiglieri che saranno così suddivisi: 10 al Pd, 5 alla lista del sindaco, 2 il Psi e 2 Passione per Grosseto, mentre l’opposizione si dividerà i soliti 13 seggi: Oltre a Vivarelli Colonna con lui entrerebbero 2 per la lista del sindaco, 2 per la Lega nord, 2 Fratelli d’Italia e 1 Forza Italia. Scenario invariato invece per Gori che con sé porterebbe 4 consiglieri.

Ma chi sono questi potenziali consiglieri?

Nel caso del primo scenario, ossia quello in cui a vincere fosse Vivarelli Colonna i 6 della lista del sindaco sarebbero: Riccardo Ginanneschi, Anna Paola Brigazzi, Stefano Pannini, Angelo Pettrone, Chiara Veltroni, Abrea Pieroni.

La Lega Nord porterebbe in consiglio Riccardo Megale, Mario Lolini, Cosimo (Claudio) Pacella, e Andrea Ulmi. Fratelli d’Italia entrerebbe con Fabrizio Rossi, Gino Tornusciolo, Pierfrancesco Angelini e Andrea Guidoni. Forza Italia eleggerebbe Mirella Milli Mazzullo, Pasquale Virciglio, Elisabetta Ripani, e Marco Biagioni. Maremma migliore vedrebbe eletto Fausto Turbanti.

Sempre in questo ipotetico consiglio di centrodestra l’opposizione sarebbe così composta: Lorenzo Mascagni, più per il Pd Ciro Cirillo, Catuscia Scoccati, Marco di Giacopo e Manuele Bartalucci. 2 persone per la lista del sindaco: Marilena Del Santo e Carlo De Martis, e Rinaldo Carlicchi per passione per Grosseto. Il Movimento 5 Stelle, oltre a Gori, eleggerebbe Emanuele Perugini, Gianluigi Perruzza, Antonella Pisani, Daniela Lembo.

Se a trionfare al ballottaggio dovesse essere Lorenzo Mascagni invece il Pd porterebbe a casa 10 consiglieri: Ciro Cirillo, Catuscia Scoccati, Marco di Giacopo, Manuele Bartalucci, Ulrica Fatarella, Valentina Culicchi, Fabio Duchini, Letizia Stammati, Cecilia Manenti, Claudia Biliotti. 5 persone per la lista del sindaco: Marilena Del Santo, Carlo De Martis, Andrea Righini, Enrico Colosi e Roberto Costantini. Per passione per Grosseto Rinaldo Carlicchi e Paolo Lecci e per il Psi Francesco Giorgi e Dino Seccarecci.

In caso di sconfitta del centrodestra oltre a Vivarelli Colonna entrerebbero 2 della lista del sindaco: Riccardo Ginanneschi e Anna Paola Brigazzi.

La Lega Nord porterebbe in consiglio Riccardo Megale e Mario Lolini. Fratelli d’Italia entrerebbe con Fabrizio Rossi e Gino Tornusciolo mentre Forza Italia eleggerebbe Mirella Milli. Stabile la situazione del Movimento 5 Stelle che, oltre a Gori, eleggerebbe Emanuele Perugini, Gianluigi Perruzza, Antonella Pisani e Daniela Lembo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.