Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Follonica celebra la festa della Repubblica: cittadinanza simbolica agli studenti stranieri fotogallery video

Più informazioni su

FOLLONICA – Studenti, genitori e amministratori della città di Follonica hanno celebrato questa mattina al teatro Leopolda la festa della Repubblica e il 70esimo anniversario del referendum istituzionale dal quale nacque il nostro Stato republicano.

Festa della Repubblica con le scuole 2016

Quest’anno l’Amministrazione comunale di Follonica vuole ricordare proprio l’importanza di questa festa con due cerimonie distinte ma unite dallo stesso significato.

Una prima cerimonia è stata quella dedicata ai ragazzi stranieri residenti a Follonica che quest’anno frequentano la terza media; alcuni di loro hanno seguito il “Laboratorio delle ricorrenze civili” ideato da Spazi Ragazzi, il servizio del Comune di Follonica gestito dalla Cooperativa Arcobaleno.

“Il Comune di Follonica infatti –dichiara il sindaco Andrea  Benini – vuole conferire la cittadinanza onoraria simbolica a questi ragazzi che hanno concluso un primo percorso di studi qui a Follonica provando ad anticipare l’approvazione della legge di riforma sullo ius soli che prevede proprio anche lo ius culturale, cioè il diritto di cittadinanza al minore straniero, che abbia frequentato regolarmente nel territorio nazionale uno o più cicli scolastici”.

Speriamo che ciò possa rappresentare uno stimolo al Governo e al Parlamento perché si possa approvare al più presto una legge di civiltà rispetto al principio di cittadinanza”

La seconda cerimonia sarà riservata ai cittadini stranieri ai quali il Presidente della Repubblica nel 2016 ha conferito la cittadinanza italiana; il giuramento è l’atto conclusivo del percorso per l’ottenimento della cittadinanza italiana ed è obbligatorio e necessario per esercitare i propri diritti

“Il giuramento viene reso normalmente davanti all’ufficiale di Stato Civile,- dichiara ancora il Sindaco – ma quest’anno l’amministrazione comunale ha voluto organizzare un evento che sottolineasse in un unico significato l’importanza dell’acquisizione della cittadinanza in Italia che festeggia la sua festa come Repubblica democratica dopo aver conosciuto il fascismo e l’intolleranza raziale”.

Entrambe le cerimonie saranno accompagnate da alcune letture, tra cui la lettera del partigiano Giambone scritta prima di essere fucilato dai fascisti alla figlia Gisella nella quale le ricorda di credere sempre nei valori dell’uguaglianza e della giustizia, mentre saranno eseguiti dal vivo l’Inno di Mameli e l’Inno alla Gioia, a sottolineare l’importanza e il profondo significato della Festa della Repubblica.

“Vogliamo a proposito – conclude Benini – ringraziare la scuola comunale di musica, in particolare la 1^ tromba Andrea Lagi, e il maestro Rossano Gasperini che con il suo coro reinterpreterà a cappella l’inno nazionale”.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.