Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Laguna, «Moria di pesci, ditte non ancora pagate. Sindaco racconta balle»

Donzelli e Minucci (Fdi): "Vergogna Pd: non risolve problemi e non mantiene promesse. Paffetti sarà cacciata dai cittadini"

GROSSETO – “Il Comune di Orbetello ancora oggi non ha pagato le ditte che la scorsa estate, dopo la grave crisi provocata dalla moria dei pesci, hanno garantito il servizio di raccolta, trasporto e smaltimento delle carcasse di pesce. Insieme a quella sul pompaggio delle acque, promesso entro il mese di marzo per togliere le alghe che sono già tornate ad invadere la laguna, si tratta dell’ennesima balla raccontata dal sindaco Monica Paffetti: siamo di fronte alla completa e definitiva inadeguatezza del Partito democratico a gestire la situazione”. E’ quanto afferma il capogruppo di Fratelli d’Italia in Regione Giovanni Donzelli, insieme al candidato per la lista ‘Patto per il futuro’ e dirigente di Fratelli d’Italia Luca Minucci.

“La Regione e il Pd avevano dato assicurazioni a parole sul pagamento delle ditte che hanno garantito la pulizia della laguna dopo il disastro della moria – sottolineano Donzelli e Minucci – ed oggi, a quasi un anno dai fatti, la ditta Calussi ci ha comunicato che nessuno si è fatto vivo e che il lavoro resta solo da pagare. E’ una vergogna che le istituzioni, non solo non siano capaci di risolvere, ma neanche si preoccupino di saldare i privati che si sono fatti in quattro per salvaguardare il territorio, mettendone a rischio la sopravvivenza stessa. Nei giorni scorsi abbiamo chiesto alla Regione di prendere in carico direttamente la situazione per evitare che la stagione turistica venga rovinata dalla cialtroneria dell’amministrazione comunale, ma il Pd ha bocciato la nostra mozione. A questo punto è del tutto evidente che alla sinistra non interessa la tutela turistica, economica ed ambientale di Orbetello – concludono Donzelli e Minucci – ci penseranno i cittadini, con le elezioni di domenica prossima, a mandare a casa il sindaco e a dare alla città una gestione che tuteli l’interesse collettivo e le attività locali”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.