Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Comune e associazioni fanno belli i parchi: ecco l’esempio “civico” di Gavorrano

GROSSETO – C’è il parco di Giuncarico, totalmente rinnovato, e quello di Grilli con i giochi ricostruiti dopo l’ondata di maltempo di un anno fa. Poi c’è il parco di bagno di Gavorrano e quelli di Potassa e Bivio Ravi. Tanti spazi verdi che il Comune di Gavorrano aveva messo al centro di un progetto di riqualificazione basato sulla collaborazione con i cittadini e le associazioni.

E mentre domenica prossima (22 maggio) saranno inaugurati i nuovi giochi del parco di Giuncarico acquistati grazie alle iniziative di raccolta fondi delle mamme del paese, a distanza di un anno dal lancio del progetto, è l’assessore a lavori pubblici Giulio Querci a tracciare un primo bilancio di questo esperimento fatto di partecipazione e impegno diretto dei cittadini.

«Un anno fa circa abbiamo iniziato come scrisse la stampa locale, quella vera e quella seria, un “Operazione di riqualificazione Parchi”. Collaborando con associazioni radicate nel nostro territorio come la locale sezione Auser , la Pro Loco Bivio Ravi-Potassa, la Pro loco Grilli o con neonate associazioni come le Donne Giuncarichesi o l’associazione Ripartiamo Da Noi e coinvolgendo anche privati cittadini mossi da spirito civico; abbiamo messo in piedi un vero e proprio restyling di alcune aree gioco del Comune come a Giuncarico e Grilli ed abbiamo riqualificato altre situazioni critiche come a Bagno, Potassa e Bivio Ravi».

«Il Comune nel frattempo si è anche adoperato per mettere in sicurezza il verde pubblico spesso adiacente o all’interno di tali aree. Abbattendo e potando circa 150 piante ormai troppo pericolose e provvedendo alla successiva ripiantumazione (da concludere nei prossimi mesi). Taglio che proseguirà in un secondo stralcio.
Questo non significa che non esistono situazioni come quella del Parco della Finoria, alla quale aggiungo il parco pubblico di Ravi ed il parco dei castagni di Caldana ad esempio tutti necessitanti di interventi importanti».

«Il nostro territorio è vasto ed è sempre più difficile amministrare con i continui tagli alle risorse che arrivano dall’alto e che spesso purtRoppo portano ad esasperare situazioni ben note agli amministratori. Esasperazione delle persone per bene causata anche da ripetuti atti vandalici ai quali è difficile mettere freno».

«Il Cittadino ha tutti i diritti di segnalare ogni situazione che ritiene inaccettabile e di pretendere spiegazioni da chi amministra. Questo Diritto non lo ha chi crea false notizie, veicola problemi per tornaconti di visibilità personale o peggio ancora lo fa telecomandato da chi ha biechi interessi politici. Causando solo danni d’immagine e non risolvendo nulla. Un ringraziamento va agli operai del Comune di Gavorrano che sapendo fare di “tutto un po'” spesso riescono a bloccare sul nascere situazioni di pericolo e di degrado urbano».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.