Quantcast

Il fascino de “La Maremmana”: tra bici d’epoca e strade sterrate

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA – La Maremmana torna con tutto il suo fascino, tra bici d’epoca e strade sterrate. . Il 21 e 22 maggio la terza edizione, già tappa del Giro d’Italia d’Epoca, parte da Castiglione della Pescaia con quattro diversi percorsi che toccheranno anche i comuni di Massa Marittima, Gavorrano e Grosseto.

Collocata all’interno della “Giornate Europee dello Sport”, la manifestazione sportiva diventa appuntamento vintage delle due ruote, con itinerari che si articoleranno su strade asfaltate a basso traffico, ma anche su suggestivi percorsi sterrati, attraverso luoghi e paesaggi dalla grande attrattiva, come solo nel territorio maremmano si posso trovare.

L’evento è organizzato da Bici Saletti, con il patrocinio del Comune di Castiglione della Pescaia e il supporto della Uisp. «E’ una rievocativa del ciclismo storico – spiega l’organizzatore Danilo Saletti – che punta a valorizzare anche il nostro territorio e le nostre tradizioni».

Si comincia con la passeggiata guidata accessibile a tutti di circa 20 km con un dislivello di 117 m. Il primo ristoro dopo 13 km si trova alla fattoria “Le Mortelle” e dopo 17 km  all’ agriturismo “La Rombaia” al cui interno sarà possibile visitare il museo militare allestito dai proprietari.

A seguire, il percorso corto su 65 km con dislivello di 550 m e tre ristori: al km 14,5 presso l’azienda “La Badiola”, al km 35 alla fattoria degli “Acquisti” e al km 58,5 presso la fattoria “Le Mortelle”. Durante questo itinerario i settori di strade bianche saranno di 24 km.

Per gli esperti, parte anche il percorso medio di 105 km con dislivello di 830 m. I ristori cominciano al km 14,5 all’azienda “La Badiola”, al km 36 all’azienda “Rocca di Frassinello”, al km 49 presso la tenuta di “Moscatello”, al km 70 alla fattoria gli “Acquisti” e al km 92 all’azienda “Le Mortelle”. I settori di strade bianche saranno di 37 km.

E per concludere, la novità tanto attesa dagli appassionati di strade sterrate, il percorso da 100 miglia (160 km). I ristori partono dal km 14,5 presso l’azienda “La Badiola”, poi al km 37 nel centro di Giuncarico, al km 46 all’azienda “Rocca di Frassinello”, al km 77 a Massa Marittima, al km 93 alla tenuta “Moscatello”, al km 117 alla fattoria gli “Acquisti e al km 140 presso l’azienda “Le Mortelle”. In questo percorso le strade bianche saranno di 42 km.

Commenti