Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Giubileo del mondo del lavoro: il 1 maggio a Grosseto

Più informazioni su

GROSSETO – In occasione del 1 maggio, festa di san Giuseppe lavoratore, la Diocesi di Grosseto propone, attraverso l’ufficio diocesano per la pastorale sociale e del lavoro, il Giubileo del mondo del lavoro.

Alle 10.45 lavoratori pubblici e privati, dipendenti e autonomi, imprenditori, volontari si ritroveranno dinanzi alla Porta Santa per attraversala, mentre alle 11 il vescovo Rodolfo presiederà la Messa.

“Il primo maggio – dice Gabriele Baccetti, direttore dell’ufficio diocesano per la pastorale sociale e del lavoro – la Chiesa celebra la festa di san Giuseppe lavoratore, modello di santificazione del lavoro per tutti. Quest’anno giubilare ci offre l’opportunità di arricchire la festa con il rito penitenziale e rigenerante del Giubileo del mondo del lavoro. Ci ritroveremo alla Porta Santa della Cattedrale per chiedere perdono di tutte le nostre mancanze nei confronti di Dio, del prossimo e di noi stessi nell’ambito lavorativo e per chiedere al Signore quella stessa misericordia che ci impegneremo ad offrire ai nostri fratelli. Chiederemo anche noi, quindi, assieme alla Chiesa universale e a Papa Francesco, di essere misericordiosi come il Padre. L’uomo – prosegue Baccetti – ha bisogno di misericordia anche nel vasto contesto della realtà che è il lavoro umano. Le stesse categorie della giustizia e della carità appaiono insufficienti a realizzare il comandamento nuovo ‘Amatevi gli uni gli altri’. Solo la misericordia realizza la vera giustizia e la vera carità”.

Il Giubileo del mondo del lavoro si inquadra nell’impegno che l’ufficio diocesano porta avanti per fungere, da un lato, da “sentinella” sul territorio e dall’altro per contribuire a rigenerare nella speranza le fatiche che il mondo del lavoro sta vivendo.

Ormai da quasi due anni, ad esempio, è partito anche in Diocesi il Progetto Policoro, esperienza di cui si sono celebrati da poco i venti ani, con cui la Chiesa italiana sta educando generazioni di giovani ad essere protagonisti del loro futuro. Non è un’agenzia di collocamento, ma un percorso di affiancamento di giovani (o adulti) con buone idee imprenditoriali da sviluppare, per aiutarli a dar gambe a questi progetti individuando i percorsi migliori.

In Diocesi il percorso è portato avanti dal giovane Alessandro Corina come animatore di comunità e da Aldo Turacchi come tutor.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.