Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Dopo l’incendio in campo la solidarietà: ristorante riapre grazie a volontari e amici fotogallery

Più informazioni su

MARINA DI GROSSETO – Come preannunciato, venerdì prossimo 22 aprile riaprirà i battenti al pubblico La Locanda dei Briganti a Marina di Grosseto, dopo l’incendio che ha danneggiato la struttura nei giorni scorsi. La riapertura in tempi brevissimi sarà resa possibile grazie all’impegno di tanti amici ed imprenditori che, insieme all’Ascom Confcommercio, si stanno dando da fare per aiutare i titolari Claudio e Daniele Graziani.

Intanto si moltiplicano le manifestazioni di vicinanza da parte dell’intera cittadinanza. Molti coloro che hanno fatto visita ai fratelli Graziani, tra cui Giancarlo Ciarpi, direttore della Banca della Maremma, e Mario Corsi, comandante dei carabinieri di Marina di Grosseto. E domani (giovedì 21 aprile) alle ore 17 la Fondazione “Il Sole” porterà i ragazzi a fare merenda alla Locanda. Il coordinatore Roberto Marcucci spiega: “Dietro l’invito dell’imprenditore Claudio Castellucci, abbiamo subito dato la nostra disponibilità. Domani alla Locanda dei Briganti saremo una ventina di persone, tra ragazzi ed operatori, per far sentire la vicinanza della Fondazione il Sole. Il piccolo ricavato sarà destinato al ripristino della struttura, ma vuol essere soprattutto un gesto simbolico. Come Fondazione, siamo oggetto di tanta solidarietà e ci piace per questo ripagare il più possibile l’affetto che i grossetani ci hanno dimostrato in tutti questi anni”.

Ascom Confcommercio ringrazia tutti coloro che stanno dando un aiuto concreto ed anche morale al loro associato, ribadendo l’importanza della collaborazione tra gli imprenditori. “Legalità, solidarietà e collaborazione sono i concetti cardine della nostra cultura associativa – spiega Gabriella Orlando, direttore di Confcommercio – Crediamo nella giustizia e lavoriamo per far crescere il senso di responsabilità individuale e collettiva. Il nostro territorio, in questa triste vicenda, ha dato un segnale fortissimo di coesione, e questa è la strada giusta da perseguire”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.