Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Corte dei Conti: ecco a chi dovrà pagare Borghi dopo la condanna

La sentenza, del gennaio scorso, è stata depositata ieri, 19 aprile 2016 e stabilisce a chi dovranno essere versati i 16 mila euro indicati nella sentenza precedente

GAVORRANO – È stata depositata ieri, 19 aprile, la sentenza della Corte dei Conti che definisce a quali soggetti Massimo Borghi, ex sindaco di Gavorrano, dovrà versare le cifre indicate nella precedente sentenza di condanna.

Borghi era stato condannato a pagare la soma di 16 mila euro dopo essere stato dichiarato ineleggibile a seguito delle elezioni del 2011. In quel caso venne eletto sindaco di Gavorrano, ma prima il tribunale di Grosseto e poi la corte d’appello di Firenze lo dichiararono ineleggibile facendolo decadere dalla carica di primo cittadino e riportando il Comune al voto prima del tempo.

Una vicenda che per alcuni mesi aveva sfiorato anche i consiglieri della maggioranza che sosteneva Borghi nel 2011 e che si è velocemente conclusa con una archiviazione.

Del procedimento alla Corte dei Conti però rimaneva in sospeso questa ultima precisazione arrivata con la sentenza di gennaio, depositata soltanto ieri.

Nel dettaglio dei 16 mila euro complessivi Borghi dovrà pagare, come si legge nelle sentenza, questi importi: al Comune di Gavorrano 13.414,41 euro (di cui 3.996,17 legate al danno delle elezioni anticipate e 9.418,24 legate al danno delle indennità percepite); all’Arma dei Carabinieri 1.448,20 euro; alla Guardia di Finanza: 376,05 euro; al Corpo Forestale dello Stato 162,59 euro; all’Avvocatura dello Stato 300,89 euro; al Poligrafico e Zecca dello Stato  297,86 euro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.