Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alberghiero, Paffetti «I soldi ci sono, Casamenti non conosce la legge. E Cerulli faccia la sua parte»

ORBETELLO – «L’ignoranza delle norme o il desiderio di nascondere una visione differente sulla gestione del patrimonio scolastico che non prevede la ristrutturazione e la messa in sicurezza delle scuole, ma l’accorpamento come avviene anche nella vicina amministrazione di Monte Argentario».

Ne ha per tutta la destra il sindaco di Orbetello, Monica Paffetti, che risponde alla polemica riguardante i fondi per la costruzione delle cucine dell’alberghiero, allargando poi il raggio: «Il capogruppo di opposizione Casamenti dimostra di non conoscere le norme, perché dal 2015, esiste un tipo di bilancio “armonizzato” che obbliga a svuotare i capitoli dai soldi non utilizzati – spiega lei – una cosa che è prevista dalla legge e che non preclude la nostra volontà politica che abbiamo già riconfermato rimettendo le cucine dell’alberghiero all’interno del piano triennale delle opere pubbliche, con relativa previsione di spesa all’interno del prossimo bilancio di previsione che sarà approvato nei prossimi tempi».

«Dunque non è vero che i soldi non ci sono più, bensì è cambiata quella regola che, invece, ha permesso per anni al centro destra di Casamenti di inserire nei capitoli di bilancio i soldi per la ristrutturazione delle scuole, che poi in realtà non è mai avvenuta fino al nostro intervento. Dunque – conclude lei – una polemica strumentale, quella del candidato di destra che, forse, nasconde la volontà di togliere questi soldi dal bilancio in futuro, magari accorpando gli edifici scolastici come avviene al Monte Argentario.»

Monica Paffetti sposta poi la discussione sulla vicenda della ormai famosa convenzione con la Provincia di Grosseto che aveva fino ad oggi bloccato i lavori e che è stata approvata dalla giunta orbetellana pochi giorni fa: la stessa cosa è stata fatta dal presidente della Provincia, Emilio Bonifazi, per cui tutto è pronto anche se ci sono da reperire i fondi per l’arredamento visto che sono note le difficoltà di bilancio degli enti provinciali: «Il Comune di Orbetello costruirà la struttura, ma per l’arredamento della cucina sarà giusto l’intervento anche degli altri Comuni i cui ragazzi vengono a scuola ad Orbetello – tuona la Paffetti – ad esempio quasi la metà degli studenti provengono dal Comune di Monte Argentario, dove il suo sindaco Cerulli, è quotidianamente impegnato nella campagna elettorale di sostegno al centro destra sul territorio orbetellano ma fa orecchi da mercante su certi aspetti che invece, nelle sue vesti di consigliere provinciale, lo dovrebbero vedere assumere delle responsabilità che non possono essere a carico solo dell’amministrazione lagunare.»

E sulla vicenda interviene anche il Pd di Orbetello che afferma: «Con la deliberazione del piano triennale delle opere pubbliche fatta all’inizio del corrente anno, sono stati previsti i lavori da affrontare nel periodo in questione, tutto ciò che non viene previsto non può essere attuato , per questo i 118.000 euro, a cui fa riferimento il candidato sindaco della lista Patto per il futuro, che sono stati destinati all’istituto alberghiero, sono pronti ad essere impegnati ed utilizzati. L’amministrazione che ha preceduto l’attuale ha dato prova di non avere a cuore il futuro dell’Istituto, lasciando spazio di manovra a speculazioni incompatibili con l’interesse della collettività, ci pare di ricordare che l’edificio fosse stato messo in vendita, impoverendo non solo l’offerta scolastica del territorio, ma anche la vita stessa del centro di Orbetello».

«Gli studenti che frequentano l’Istituto alberghiero arrivano da tutta la provincia e, per il momento, oltre al sindaco Paffetti, solo il sindaco di Capalbio Luigi Bellumori ha dichiarato di essere disponibile a contribuire fattivamente al progetto. Speculare sulla sorte degli studenti dell’Istituto alberghiero per andare alla ricerca di consensi – conclude il Pd – non è affar nostro».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.