Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Salvaguardare l’Isgrec, Marras: «Non chiudiamo le porte alla storia»

Più informazioni su

GROSSETO – «L’Isgrec fa parte della vita culturale di Grosseto e della Maremma, è riconosciuto unanimemente come una delle istituzioni culturali più prestigiose a livello regionale e vanta sostegni e collaborazioni a livello nazionale ed internazionale portando avanti diverse iniziative, tra cui percorsi di memoria attiva e di ricerca storica della resistenza, ricostruendo avvenimenti che hanno portato alla liberazione dai regimi, alla pace, all’Europa. Non possiamo accettare che, oggi, le maggiori difficoltà arrivino proprio dalla città che lo ospita. Ci deve essere una soluzione». Leonardo Marras, capogruppo del Pd in consiglio regionale interviene sulle vicende che riguardano l’Isgrec di Grosseto.

«Raccolgo l’appello lanciato dalla direttrice Luciana Rocchi e rilancio sollecitando ancora una volta dopo averlo fatto tutti insieme lo scorso settembre in una iniziativa pubblica organizzata dal Partito Democratico, il Comune di Grosseto e i Comuni tutti della provincia di Grosseto a rispondere subito positivamente – dice Marras -. Le difficoltà che si trova ad affrontare oggi l’ente Provincia sono ben note a tutti, per questo, in quella occasione, invitammo tutti i sindaci a farsi carico di un impegno concreto per salvaguardare il prezioso lavoro svolto dall’Isgrec sugli archivi e nelle scuole, che potrebbe essere ulteriormente sviluppato».

«Penso ad una rete dei Comuni che, sulla scia delle politiche culturali messe in campo dal Comune di Grosseto – conclude Marras -, pianifichi e sostenga la ricerca storica e culturale del territorio consolidando così il proprio inestimabile patrimonio di memoria messo a disposizione di tutti».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.