Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Maltrattamenti all’asilo, M5S «Le insegnanti agivano una di fronte all’altra senza rimorso»

Più informazioni su

GROSSETO – «Quello che è successo nell’asilo grossetano è un fatto gravissimo e lo è ancor di più se riflettiamo sulle immagini che i media stanno diffondendo». È il commento del Movimento 5 Stelle alle accuse di maltrattamenti in un asilo nido in città.

«Non si tratta di una sola persona, magari afflitta da qualche problema psichico o mentale, ma di un gruppo di persone che agiscono, anche contemporaneamente, l’una davanti alle altre, senza vergogna, senza rimorso – sottolineano i 5 Stelle -. Sembrano voler dire che stanno facendo tutto questo perché per loro è legittimo arrivare a tanto. È una sorta di declinazione culturale agghiacciante e l’aumento dei casi in Italia lo dimostra».

«Occorre fare subito qualcosa. In primis i genitori devono porre molta attenzione nella scelta delle strutture, privilegiando quelle che garantiscono, con sistemi oggettivi e certificati, la formazione del personale che deve essere adeguatamente selezionato e preparato, ma ancor più importante – prosegue M5S -, quelle strutture che garantiscono la presenza di psicologi che possono monitorare la situazione, nonché supportare le maestre prese da una crisi di nervi e intervenire in maniera preventiva al manifestarsi dei primi segnali degni di attenzione».

«Alle famiglie è necessario dire loro quali sono i segnali che possono indicare un abuso o l’utilizzo della violenza e maltrattamenti (come ad esempio, l’esibizione di aggressività, disagio, inappetenza, disturbi del sonno). Occorre pertanto una campagna di informazione per le famiglie, ma quel che si può fare subito – e la politica nazionale sembra voler andare verso questa direzione – è l’istituzione obbligatoria per legge dei test psico attitudinali e telecamere di controllo, cosa da noi appoggiata. Inoltre – conclude -, chiediamo una pena esemplare per chi commette certi crimini»

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.