Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Maltrattamenti ai bambini, Donzelli: «telecamere obbligatorie per asili» Rossi «Metodi da aguzzini»

Proposta di legge di Donzelli (Fdi): "Adottare piano di emergenza, Pd bocciò nostra mozione. Sì a test psico-attitudinali"

GROSSETO – “Subordinare l’accreditamento per asili e strutture sanitarie per anziani all’installazione di sistemi di telecamere che permettano di controllare 24 ore su 24 luoghi dove vivono o soggiornano persone deboli come bambini e anziani”. E’ l’oggetto di una proposta di legge che sta preparando il capogruppo di Fratelli d’Italia in Toscana Giovanni Donzelli dopo l’ultimo grave episodio dei maltrattamenti avvenuti all’asilo nido “L’albero azzurro” di Grosseto. La proposta sarà depositata già domani in Consiglio regionale “e fa seguito ad una mozione che abbiamo presentato a marzo scorso insieme a Stefano Mugnai per chiedere l’installazione delle telecamere e bocciata dall’opposizione del Partito democratico”. La legge di Fratelli d’Italia prevede anche “l’istituzione di test psico-attitudinali annuali per le maestre e gli operatori sanitari mirate a verificare la predisposizione a svolgere il ruolo in modo adeguato per scongiurare i maltrattamenti”.

“Scaricare le proprie frustrazioni sui soggetti deboli, che non sono capaci di difendersi da soli è un atto vile – sottolinea Donzelli – la Regione deve intervenire per tutelare e garantire l’accesso alle strutture da parte dei soggetti deboli. Se non si interviene subito si rischia di provocare un pericoloso effetto linciaggio da parte delle famiglie. Le persone che si rendono colpevoli di questi atti devono finire in galera senza possibilità di essere scarcerate e invece sappiamo bene, purtroppo, che il nostro sistema non garantisce pene severe e certe, neanche per questo tipo di reato. Per questo alle istituzioni di attuare un piano straordinario ed urgente per affrontare il problema. Il benessere delle persone che abbiamo care è un’emergenza assoluta – conclude Donzelli – questi fatti non sono tollerabili e bisogna agire subito per fermarli”.

E sul tema interviene anche Fabrizio Rossi, consigliere comunale di Fratelli d’Italia “Più si approfondiscono le notizie più emergono particolari raccapriccianti sui maltrattamenti dei bambini. La magistratura è chiamata ad un duro lavoro di accertamento e di indagine sugli episodi che hanno colpito i bambini dell’asilo nido incriminato. Esecrabile il comportamento di coloro che dovevano sorvegliare ed educare bambini da 12 a 24 mesi, ma utilizzavano metodi da aguzzini e non da educatori. Non ci sono parole, ma solo lo sdegno e la rabbia per questi episodi”.

“Non mi appassiona il dibattito sulla struttura, era convenzionata o non convenzionata con il Comune di Grosseto – prosegue Rossi -. Mi turba molto di più la freddezza e la crudeltà di coloro che venivano pagati per un servizio utile alla collettività, ma si trasformavano in persecutori di creature indifese. In questa fase così tragica per le famiglie turbate dagli accadimenti, il comune non può ignorare che le stesse devono ritrovare fiducia e collaborazione nelle istituzioni. In questo momento è evidente che le famiglie dei piccoli non possono più usufruire del servizio che veniva offerto loro”.

“E’ auspicabile pensare che il sindaco e i servizi educativi si adoperino affinché le famiglie e i bambini possano usufruire dell’asilo nido comunale in attesa di poter chiarire questa brutta vicenda. Sia l’ente stesso a proporsi e a trovare una soluzione – conclude il capogruppo di Fratelli d’Italia -, poiché ogni genitore coinvolto ha ben chiaro che il proprio figlio non può più andare in quel luogo dove veniva maltrattato”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.