Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Attacchi alle greggi, serve subito un incontro con gli allevatori per trovare una soluzione

Il sindaco Galli chiede il supporto delle associazioni di categoria per organizzare una giornata al palazzetto dello sport di Manciano per discutere della problematica in corso

MANCIANO – Per affrontare il problema delle stragi di allevamenti di ovini avvenute nei giorni scorsi, il sindaco di Manciano Marco Galli ha deciso di organizzare un incontro con tutti i rappresentanti del comparto della provincia di Grosseto, con gli allevatori, pastori e titolari di aziende agricole, e chiede il supporto delle associazioni di categoria.

Il sindaco, infatti, ha preso carta e penna e ha scritto ai presidenti e ai direttori delle associazioni di categoria Enrico Rabazzi e Angelo Siveri di Cia, Paolo Rossi di Confagricoltura, Andrea Renna di Coldiretti e Marco Bruni, Antonfrancesco Vivarelli Colonna dell’Unione Agricoltori, per condividere una serie di iniziative che fermino una volta per tutte gli attacchi alle greggi da parte di animali predatori.

“Visto il dilagare degli attacchi agli allevamenti di ovini del nostro territorio, che mettono a dura prova tutto il comparto, importantissimo per la nostra economia – si legge nella lettera del sindaco Galli – mi rivolgo ai rappresentanti delle associazioni di categoria, perché come sindaco di uno dei comuni più colpiti da questa problematica, credo che sia arrivato il momento di mettere in piedi delle iniziative comuni. Iniziative che non devono avere né colore, né schieramento politico. Il problema, come ho ribadito più volte, riguarda un’intera comunità e non soltanto gli allevatori. Vorrei quindi organizzare con il vostro aiuto – continua Galli – una giornata al palazzetto dello sport di Manciano con i rappresentanti del settore, con i pastori, allevatori, titolari di aziende agricole di tutta la Maremma. Solamente tutti insieme e uniti potremo cercare, attraverso iniziative forti ma civili e nel rispetto delle normative vigenti, di far capire che la situazione è diventata insostenibile. Un comparto economico fondamentale per lo sviluppo e la tutela del nostro territorio è in crisi. Vi chiedo dunque la vostra disponibilità per l’organizzazione di questo meeting provinciale che possa svolgersi tra il 20 e il 22 aprile”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.