Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Asilo, Stellini «Dobbiamo capire come agire nei confronti della struttura»

Più informazioni su

GROSSETO – «Le immagini che stanno diffondendosi su quanto avveniva nell’asilo privato oggetto di inchiesta in questi giorni amareggiano e feriscono chi ha sempre creduto che insegnare ai bambini sia davvero una missione». A parlare è l’assessore all’istruzione Giovanna Stellini.

«Come Amministrazione comunale ci stiamo muovendo nel solco della legge e del regolamento regionale per verificare come intervenire sulla struttura che, fino a pochi giorni fa continuava ad avere tutte le caratteristiche strutturali, progettuali, igieniche e di curriculum per essere autorizzata e accreditata – prosegue l’assessore Stellini -. Avrebbe anzi avuto anche le condizioni per essere convenzionata ma né lo era, né la stessa struttura aveva ancora chiesto di esserlo. Oggi, evidentemente, la questione non si pone affatto».

«Il nostro sistema pubblico-privato di offerta di posti nei nidi, grazie ai contributi regionali, funziona molto bene e garantisce numerose famiglie. Abbiamo anche predisposto un modulo per l’anno scolastico 2016-2017 che consente, tagliando tempi e passaggi burocratici, di scegliere già al momento della domanda per l’iscrizione ai nidi comunali, se e a quale nido privato accreditato la famiglia intenda iscrivere il figlio o la figlia, in caso non rientrasse nei posti disponibili al comunale – afferma l’assessore -. Abbiamo messo in elenco tutte le strutture, in quanto i nuovi PEZ, Piani Educativi Zonali, offrono dei voucher che le famiglie scelgono di spendere nella struttura che gradiscono di più».

«I voucher sono chiamati nel nuovo avviso regionale “acquisto posti in convenzione”. Da qui il disguido rispetto al termine convenzione riportato sul modulo. Ribadisco che la struttura non è convenzionata. E’ sempre opportuno chiarire i dubbi dei cittadini rispetto ad iter burocratici, documentazioni e procedure, ma voglio ribadire che questa terribile vicenda non ha nulla a che fare con l’iter di autorizzazione degli asili nidi privati, né con le successive operazioni di controllo e verifica afferenti il mantenimento dei requisiti; operazioni – conclude Stellini – da sempre effettuate al meglio dal personale comunale e sanitario che ringrazio».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.