Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bilancio sulla stagione culturale a Follonica: a colloquio con Gianfranco Luzzetti

FOLLONICA – Ultima settimana di apertura della mostra “Milano ‘64”, che ha visto protagonisti alcuni approfondimenti tematici multidisciplinari in forma di “talk” con voci diverse dall’ambito letterario, artistico e dell’impresa culturale.

Sabato 9 aprile, si svolgerà l’ultimo incontro tematico, con un appuntamento d’eccezione dal titolo “Dalla Maremma a via Montenapoleone”, alle ore 17.30 presso la Pinacoteca Civica. Ospite dell’incontro il collezionista Gianfranco Luzzetti, uno dei protagonisti della scena antiquaria internazionale che, insieme a Mauro Papa, condurrà un confronto sulla mostra.

“La primavera è sempre momento di bilanci – dice l’assessore Barbara Catalani – e vorremo farne qualcuno anche noi della cultura. Prendendo a pretesto la conclusione della mostra ospitata in Pinacoteca, dal titolo “Milano ’64″ vorremmo tracciare una linea di demarcazione su quella che è stata l’attività culturale della nostra città dall’autunno ad oggi. Superata la concezione che la cultura è un fenomeno di consumo e mero intrattenimento, e che questa può e deve divenire il vero fattore in grado di risollevare la società dal declino morale e civile, possiamo affermare, con grande soddisfazione, che gli investimenti compiuti in questi anno stanno dando grandi risultati. Un museo, il MAGMA, riconosciuto a livello europeo con il premio DASA 2015, che lo annovera come il Miglior museo a livello europeo a tema lavoro”.

“Il Teatro Fonderia Leopolda, che sotto la direzione di Eugenio Allegri ha visto registrare il sold-out a tutti gli spettacoli portando, solo nella prima fase del suo cartellone quasi 4.000 spettatori – continua l’assessore -. Ha visto poi ritornare le famiglie a teatro la domenica, con una presenza fissa di 300 spettatori alla volta. Ha portato più di 2.000 studenti provenienti da Follonica e Massa Marittima, a teatro la mattina. Uno straordinario risultato se si pensa che un teatro mancava nella nostra città da ben 25 anni. La recente apertura del Parco Centrale, significativa opera ambientale urbanistica destinata a rappresentare un altro fiore all’occhiello non solo per la Toscana, ma anche per l’Italia intera ha visto realizzarsi un bisogno che la città taceva da tempo, riattivando interessanti movimenti urbani che non erano previsti”.

“Una grande trasformazione globale che ci vede impegnati nella ricerca di qualità, innovazione e crescita sociale – precisa Catalani -. La ricerca è un lavoro estenuante ma ricco di stimoli, ti costringe a tenere alta sempre la guardia e soprattutto a sbirciare cosa succede accanto a te. Ricerca e progettualità è quello che oggi fa la differenza e credo che i risultati raggiunti siano il frutto di questo connubio. Ricerca e progetto sono anche alla base della mostra che sta per concludersi in Pinacoteca. “Milano ’64. Ferruccio Malandrini fotografo a Milano” ha visto ospiti importanti, ha espresso punti di vista diversi e molto interessanti su quello che possiamo fare sia come singoli, ma soprattutto come comunità. Ha permesso di ragionare, partendo da un pretesto, l’Italia del boom economico, sull’Italia di oggi offrendoci spunti che ci toccano molto da vicino come il lavoro culturale, la rigenerazione urbana, l’industria fiorente delle creatività”.

“Ha visto esposte tra le pareti della pinacoteca le immagini profonde e toccanti di Ferruccio Malandrini, decretando ancora una volta la fotografia come vera protagonista nella scena visiva della nostra città (a breve infatti il FollowMe ospiterà per la seconda volta a Follonica l’imponente lavoro di Letizia Battaglia). La mostra ha registrato ormai a pochissimi giorni dalla chiusura (il prossimo 10 aprile) oltre ottocento presenze. Oltre al programma di incontri “Dialoghi sulla città” – prosegue Catalani -, il progetto ha incluso anche attività di mediazione museale con classi delle scuole superiori, coinvolgendo gli studenti anzitutto come cittadini, avvicinati alle immagini e ai temi dell’esposizione attraverso momenti di forte coinvolgimento ed interazione, sia a livello sensoriale che intellettuale”.

E sabato incontro con Gianfranco Luzzetti, l’antiquario e collezionista d’arte ospite della mostra Milano ’64.

“L’ultimo dei “Dialoghi sulla città” – conclude l’assessore – vedrà come ospite uno dei protagonisti internazionali dell’antiquariato e del collezionismo d’arte, Gianfranco Luzzetti, che racconterà il suo percorso di vita, dalla Maremma a via Montenapoleone insieme a Mauro Papa, direttore del Cedav di Grosseto”.

La mostra è aperta al pubblico fino a domenica 10 aprile dalle 15.30 alle 19.30.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.