Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pubblici dipendenti, Mascagni sostiene la mobilitazione: «Ci vuole un nuovo contratto»

GROSSETO – «La profonda crisi vissuta dai pubblici dipendenti italiani è tempo che venga risolta. Il protrarsi più lungo di questa situazione senza un idea organica può voler dire provocare la messa in discussione di molti servizi al cittadino». Così Lorenzo Mascagni, candidato a sindaco del centrosinistra, che esprime la propria vicinanza ai dipendenti pubblici condividendo la loro azione.

«Penso in particolare ai dipendenti delle Province che hanno vissuto una trasformazione che ha rischiato di disperdere le professionalità e rischia di interrompere servizi essenziali. Questo a noi interessa e per questo sono vicino alla mobilitazione di questi giorni».

«Un buon contratto che offra una nuova visione del rapporto tra pubblici dipendenti e comunità rappresenta un importante snodo per il nostro Paese. Tornare a ragionare di organici in rapporto ai servizi e alle funzioni pubbliche da coprire vuol dire porsi problemi reali legati alle persone».

«Non è possibile attendere oltre. Gli uffici locali sono nati sulla qualità e professionalità dei rapporti tra cittadini e le strutture di servizio. Abbiamo bisogno di un presidio efficace ed efficiente, di lavoratori pubblici capaci inseriti in un sistema di servizi moderno».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.