Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Politica a tavola: dopo il picio, ecco il patto della Margherita con Mascagni, Borghi e Lamioni fotogallery

GROSSETO – Dal pranzo alla cena, in poche ore la tavola si conferma il luogo migliore per trovare un un’intesa e siglare un accordo. Che sia proprio così ancora non lo sappiamo perché nessuno ci conferma che un accordo sia stato raggiunto, ma dopo ieri sera Giovanni Lamioni e Rinaldo Carlicchi con Passione per Grosseto sono molto più vicini al centrosinistra.

Così si passa dal “patto del picio” (sancito ieri a pranzo, leggi qui: Il patto del picio: alleati a tavola per trovare la quadra) al “patto della margherita” che ieri sera ha visto sedersi allo stesso tavolo Lorenzo Mascagni, candidato sindaco del centrosinistra, il vicesindaco Paolo Borghi, sfidante di Mascagni alle primarie, e Giovanni Lamioni, ispiratore del progetto civico Passione per Grosseto che nelle ultime settimane è stato accostato più volte al centrosinistra.

L’occasione per mangiare insieme una pizza e parlare anche di assetti politici e alleanze è stata la festa per la promozione in serie A2 di calcio a 5 dell’Atlante, la creatura sportiva di Lamioni, oggi presieduta da Iacopo Tonelli.

Così come è stato il patto del picio, un pranzo per distendere gli animi e trovare soluzioni condivise, anche il patto della Margherita ha intanto avuto effetti importanti: oltre ad avvicinare intorno ad una pizza Lamioni e il centrosinistra, ha avvicinato Mascagni e Borghi nella loro prima uscita pubblica insieme dopo le primarie.

La serata era sicuramente una serata di festa e di sport, ma anche lontano dal tavolo a tre, sul palcoscenico del Faq, locale grossetano da concerti live, Lamioni non ha rinunciato a lanciare un messaggio alla politica grossetana. «Saluto Emanuel Cerciello (il commissario dell’Udc che nei giorni scorsi aveva protestato della possibile alleanza tra Passione per Grosseto e il centrosinistra, ndr) e gli dico che stasera siamo riusciti a unire Lorenzo e Paolo».

Tra un paio di settimane si avvicineranno i termini di scadenza per la presentazione delle liste. Questi giorni diventano quindi fondamentali per la chiusura degli accordi ancora da definire: ecco perché anche un picio e una margherita oggi diventano più importanti di promesse e strette di mano di qualche mese fa. Buon appetito.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.