Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Quando il calcio è integrazione: in campo l’amichevole tra i migranti ospiti

La partita si è svolta sabato scorso al campo sportivo di Roccastrada, coinvolgendo circa 40 profughi in un clima di festa. Il sindaco Limatola: “Verso un nuovo modello di accoglienza che coinvolga più direttamente enti e comunità locali” 

Più informazioni su

ROCCASTRADA – L’integrazione passa anche dallo sport e sabato scorso è scesa in campo a Roccastrada. Sul campo sportivo del Roccastrada Calcio, i migranti ospiti della struttura del capoluogo si sono sfidati in un’amichevole dove a vincere è stata la voglia di stare insieme, di divertirsi e di socializzare. I ragazzi coinvolti sono stati circa 40, con età media attorno ai 23 anni e ospiti da quasi due anni delle due strutture dopo essere fuggiti da diversi Paesi dell’Africa occidentale, tra cui Mali, Ghana, Guinea, Nigeria e Senegal.

Verso un nuovo modello di accoglienza. “Roccastrada – afferma il sindaco, Francesco Limatola – sta portando avanti il modello di gestione dei migranti scelto dalla Regione, che ha dato finora buoni frutti, ma occorre un salto di qualità nell’accoglienza sui territori, coinvolgendo in maniera ancora più diretta gli enti e le comunità locali. Per fare questo, è necessario passare da un modello emergenziale e centralizzato nelle mani del Ministero dell’Interno e delle Prefetture a uno più aperto al coinvolgimento diretto dei Comuni, enti di governo più vicini al territorio e alla comunità locale. Un modello che garantisca non solo vitto e alloggio, ma anche corsi di lingua e orientamento civico, presenza di mediatori linguistico-culturali e assistenti sociali saprà anche arginare il business inopportuno che gravita attorno all’accoglienza dei migranti”.

Il modello Roccastrada. “A Roccastrada – aggiunge Limatola – questo è possibile anche grazie al supporto di un tessuto associativo da sempre dinamico, solidale e attento al prossimo, come dimostrano la partita di sabato scorso e altre iniziative di integrazione dei migranti nella nostra vita quotidiana, impegnandoli anche in attività di volontariato e di pubblica utilità. Continueremo a lavorare su questa strada, portando avanti altre iniziative sportive, sociali e culturali grazie alla collaborazione con le nostre associazioni e rispondendo alle richieste dei migranti stessi, che vogliono integrarsi sempre di più nella comunità che li ha accolti. Ringrazio la consigliera comunale con delega alle politiche giovanili, Elena Menghini, la società Roccastrada Calcio e il coordinatore delle strutture che ospitano i migranti, Giampaolo Pastorelli, per l’iniziativa organizzata e per l’obiettivo di proporre altre occasioni di integrazione e di crescita sociale e culturale per tutta la comunità”.

L’iniziativa viene salutata con soddisfazione anche dal coordinatore della struttura che ospita i migranti a Roccastrada, Giampaolo Pastorelli. “La partita è stata un momento di festa e di divertimento per tutti, per i ragazzi che hanno giocato, ma anche per coloro che hanno assistito. L’integrazione passa anche, e soprattutto, da iniziative come queste, occasioni di conoscenza reciproca e di socializzazione per ragazzi che sono fuggiti dai propri Paesi alla ricerca di una vita migliore. Ringrazio chi ha reso possibile questo evento, a partire dal Comune di Roccastrada, attraverso la consigliera comunale Elena Menghini, e dalla società Roccastrada Calcio, guidata dal presidente Luciano Murzi, che ha ospitato la partita sul proprio campo. L’auspicio è che ci siano altre occasioni come queste, per integrare sempre di più questi ragazzi con la comunità locale, coinvolgendo anche le società sportive del territorio, come hanno chiesto gli stessi migranti”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.