Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Parcheggiatori abusivi: è tempo di agire. «A Follonica è una piaga non più tollerabile»

Più informazioni su

FOLLONICA – «Come ormai da molti anni siamo obbligati di tornare a parlare di una piaga che nonostante i molti proclami non ha accennato a placarsi, anzi, si è diffusa sempre di più, arrivando ad avere dei ritmi insostenibili in questi primi mesi del 2016: i posteggiatori abusivi». Così si legge in una nota di Fratelli d’Italia e di Gioventù Nazionale di Follonica. Una nota nella quale si torna a denunicare il fenomeno degli abusivi che operano nei parcheggi della città del Golfo.

«Questo vero e proprio lavoro a nero, che frutta non poco alle tasche di quegli stranieri che lo praticano, non accenna a diminuire: non bastano più infatti i controlli del venerdì mattina, né il susseguirsi di vigili urbani durante gli orari mercatali, non servono più perché ormai questo problema si è diffuso a macchia d’olio evolvendosi ad un livello superiore, fatto di vedette, pali e fughe di massa al solo lampeggiare delle volanti».

«Non siamo più di fronte a una ultima ratio di chi scappando dalla guerra cerca qualche spicciolo per mangiare e magari dimenticare le sofferenze passate. No! Non siamo più di fronti a tutto ciò, ma stiamo guardando da osservatori inermi, inebetiti dal politicamente corretto, un racket che ogni giorno miete soldi, usando quei ragazzi come macchine per arricchirsi».

«Tra poche settimane, si spera, il mercato verrà spostato nella nuova area del “Parco Centrale” idolatrato dalla maggioranza consiliare come nuovo fulcro per la vita turistica della città, e allora cosa verrà fatto dalla giunta di Benini? Insieme a banchi ed al sudore di chi lavora verrà spostato anche questo racket indecoroso? Sarà questo il nuovo biglietto da visita del central park follonichese? Questi e molti altri sono i dubbi che noi vogliamo sollevare, cercando di creare un dibattito costruttivo con chi amministra».

«Vogliamo forse lasciare tutto così com’è facendo radicalizzare questo lavoro a nero, o vogliamo dare risposte chiare e forti alla popolazione? Vogliamo aspettare altri atti di violenza, come già accaduto in passato sia nel golfo che nella vicina Grosseto prima di intervenire? O vogliamo fare come gli struzzi, nascondendo la testa sotto la sabbia per non vedere, per non essere crocifissi sull’altare del politicamente corretto?».

Un atto di forza, questo chiediamo, da parte della Macchina comunale e del vicesindaco Pecorini, a cui chiediamo di farsi promotore per una più stretta collaborazione con i Carabinieri . Saremo stolti? Forse, ma comunque speranzosi che Follonica possa tornare a splendere come la perla del golfo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.