Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La battaglia delle liste civiche, Gente di Grosseto: «Solo con noi una Maremma migliore»

GROSSETO – «È complesso descrivere l’ideologia di un movimento civico che diventa forza politica, una lista civica è meno strutturata e organizzata di un partito ma questa, dalla sua, ha una dinamicità e una maggiore libertà per promuovere e realizzare progetti; per questo, se si decide di impegnarsi in una lista civica, o di votarla, lo si fa per le persone che ne prendono parte e per le soluzioni che questa porta avanti». Così Leonardo Culicchi, della lista civica Gente di Grosseto, inquadra la situazione nel panorama politico locale e puntualizza su quanto avviene nel centrodestra.

«Stessa cosa dovrebbe valere anche per quelle di centrodestra, che invece si fotografano con Berlusconi e Salvini e utilizzando come megafono la cronaca nera dei giornali, cercano voti nella paura di noi grossetani; fosse solo allarmismo sarebbe il male minore, invece cercano il consenso alzando la tensione pur consapevoli di non avere la soluzione – spiega Culicchi – Tutti abbiamo bisogno di una maggiore sicurezza ma alle paure e ai bisogni non si può rispondere con illusorie promesse e roboanti proclami, a maggior ragione quando la risposta è di natura legislativa più che amministrativa. Censire quotidianamente le difficoltà di questa città, accrescere false speranze ed enfatizzare reali paure, va solo a scapito di quanto la città, in modo silente, sta già facendo».

«Forze dell’ordine, società civile e associazioni stanno lavorando senza tregua per rispondere a quel bisogno di maggiore sicurezza e lo stanno facendo con gli strumenti che oggi le nostre leggi ci permettono, lo fanno con la consapevolezza che il loro modo di operare e combattere sul territorio non cambierà con la vittoria del centrodestra: nel castello di Antonfrancesco Vivarelli Colonna non ci sono né maghi, né bacchette magiche – prosegue l’esponente di Gente di Grosseto -. Non aiuteremo i tutori dell’ordine invocando duecento soldati sulle nostre strade ma potremmo farlo in modo efficace ottenendo dieci colleghi in più a fare investigazione e prevenzione».

«Per crescere c’è bisogno di tutti, gli uomini da soli al comando non vanno da nessuna parte; per questo parliamo di regia responsabile, una regia capace di avere una visione di prospettiva, di adoperare con uguale incisività sia gli strumenti di controllo e repressione come quelli del dialogo e della coesione sociale – prosegue -. Una regia capace di guidare una città che funziona ma che può sicuramente funzionare meglio attraverso un sistema che unisca le richieste, le opinioni e le competenze, perché purtroppo le soluzioni facili per i problemi complessi solitamente si definiscono miracoli».

«Tutti amiamo la nostra Grosseto e tutti vogliamo lavorare per renderla migliore ma nel centrodestra c’è una civica che condivide le civette delle edicole e nella coalizione di centro sinistra ci siamo noi – conclude Culicchi -. Noi che come civica ci stiamo confrontando con il territorio in materia di produttività e sviluppo economico, noi che come civica potevamo sfruttare il vento della protesta e strillare rauchi come gabbiani ma che invece abbiamo deciso di essere vela di una grande nave, perché ancor prima di cercare i voti è necessaria la responsabile ricerca di rotte più sicure per tutti».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.