Torna la mostra scambio d’epoca: pezzi unici in mostra e lo spettacolo del “giro della morte”

GROSSETO – Ricambi d’auto d’epoca, vecchi cilindri e pistoni, ma anche piccoli “gioielli”, il pezzo che ti mancava e che cercavi da tempo per rimettere in moto la vespa dei 20 anni o la Seicento del nonno. Nulla è impossibile alla mostra scambio d’auto e moto d’epoca che si svolgerà il 19 e 20 marzo nell’area fieristica del Madonnino a Braccagni.

106 espositori al coperto e, se sarà bel tempo, altrettanti all’esterno, come una Portobello dei ricambi d’epoca dove si può trovare davvero ogni cosa. E poi tre musei e una serie di spettacoli che vanno dal freestyle al giro della morte in motoslitta.

«Questo – afferma Andrea Masini presidente di Grosseto Fiere – è il primo evento fieristico dell’anno. Abbiamo voluto ampliare l’offerta di questa 18esima edizione, non solo con gli espositori, che sono una parte importantissima della manifestazione, ma arricchirla di eventi collaterali portando così tanti giovani».

Quattro msei, oltre 100 espositori (61 dalla Toscana e 43 dal resto d’Italia), esposizione di 500, ma anche di vettue modificate tuning, e poi il raduno delel Harley Davidson.

«I nostri musei finiscono sulle riviste di auto d’epoca – racconta con orgoglio il direttore Carlo Pacini -. Abbiamo fatto un grande sforzo, ma siamo riusciti a portare un pilota russo Red bull, che è uno dei più noti per il freestyle. Si esibirà in un giro della morte in motoslitta. Quello che vogliamo è attirare i giovani offrendogli uno spettacolo divertente, perché il centro fieristico è patrimonio che appartiene a Grosseto e va tenuto in piedi anche se è faticoso».

Roberto Righetti, che si occupa dell’organizzazione delle mostre, ricorda poi la nascita di questa fiera «in un piazzale di Grosseto. Qundo poi è diventata troppo grande da gestire abbiamo chiesto la collaborazione di Grosseto Fiere».

Il tema del museo sono gli anni 60-70, non soltanto come auto e moto, ma anche con alcuni oggetti d’epoca tv, frigoriferi, vecchie radio. Poi ci sarà un’area dedicata alle bici nell’arco di 100 ani, il primo modello è infatto del 1870, il più recente del 1970. come di consueto uno spazio sarà dedicato al modellismo, mentre nella palazzina direzione verrà allestita una mostra di Lancia.

Il biglietto di entrata è di 7 euro, ma, come gli altri anni, se si arriva con un mezzo d’epoca si parcheggia direttamente in fiera e si entra gratis.

Commenti