Sversamento nei fiumi, minoranza: «Noi ignorati, ora l’interrogazione»

GAVORRANO – «In merito allo sversamento di digestato che ha causato l’inquinamento dei fiumi Carsia e Bruna, ci dispiace dover per l’ennesima volta constatare la miserrima considerazione che il Sindaco e la Giunta del Comune di Gavorrano hanno nei confronti dell’opposizione».

Così il gruppo di minoranza Centrosinistra Gavorrano Bene Comune che interviene per cirticare l’atteggimaneto della maggioranza guidata dal sindaco Elisabetta Iacomelli.

«Siamo infatti venuti a sapere di questo fatto, a detta dello stesso assessore Tonini “senza precedenti”, solo dalla stampa, senza quindi che il Primo Cittadino si degnasse di informare una minoranza che all’interno del Consiglio rappresenta quasi la metà degli elettori del territorio comunale».
«Un tempo, quando la politica funzionava ed i rapporti istituzionali non erano solo un valore ma atti riconosciuti e praticati, il Sindaco per situazioni di una certa gravità avrebbe riunito i capigruppo per informarli sulla vicenda; ma oggi, in mancanza di rapporti, il Sindaco tace accontentandosi di far parlare altri con i media».
«Un silenzio, quello del Sindaco, sovrastato solo da quello dell’assessore preposto, ovvero l’assessore alle politiche ambientali, a cui d’altra parte siamo abituati da sempre ad ogni evento, dove si rileva la mera presenza e null’altro.
«A parlare è stato l’assessore Tonini che però, nelle poche parole dette, è riuscito nell’impresa di finire in contrasto con ciò che è stato rilevato dagli operatori Arpat. A causa di tutto questo, ci siamo visti obbligati a presentare un’interrogazione per ottenere chiarimenti sulla vicenda e sulle azioni della maggioranza in merito a ciò».

Commenti