Premio Scriabin: Grosseto capitale della musica. 65 partecipanti da 15 nazioni

Più informazioni su

GROSSETO – Per una settimana Grosseto diventa la capitale internazionale del pianoforte con il Premio Scriabin riservato agli under 35. Il Premio, giunto alla diciottesima edizione, è organizzato dall’associazione musicale Scriabin in collaborazione con il Comune di Grosseto, la Fondazione Grosseto Cultura, la Fondazione Rotariana Carlo Berliri Zoppi, il Rotary Club Grosseto, con il contributo di Banca della Maremma, Dolci e Biscotti Corsini, Lions Club Grosseto Host, Bluthner Foundation, Semar.

In questa edizione sono 65 i partecipanti provenienti un po’ da tutto il mondo, esattamente da 15 nazioni. Sono solo 5 gli italiani, la maggior parte dei pianisti arriva da Giappone, Corea, Taiwan ma anche Stati Uniti, Russia, Spagna, Armenia. Per la prima volta sono rappresentati anche Uzbekistan e Colombia. Il più giovane concorrente proviene dall’Olanda, si chiama Mikdad Aidan e ha 14 anni.

Come sottolinea il maestro Antonio Di Cristofano che 18 anni fa ha ideato la manifestazione, «il Premio Scriabin è un punto di riferimento a livello internazionale per i giovani pianisti. La partecipazione è davvero notevole da tante parti del mondo ed è una scommessa vinta considerata anche la difficile congiuntura economica internazionale. Il Premio si è consolidato in qualità: chi vince lo Scriabin vince anche in altri prestigiosi concorsi in tutto il mondo così da renderci un trampolino di lancio per la carriera dei giovani pianisti».

Da martedì 23 febbraio dunque iniziano le eliminatorie che si svolgeranno per 4 giorni al teatro degli Industri. I ragazzi si esibiranno davanti alla giuria e da 65 arriveranno prima a 12 e poi a 3. La finale è fissata per domenica 28 febbraio alle 17.00 al teatro degli Industri.

«E’ una bella opportunità che la nostra città offre – spiega l’assessore Giovanna Stellini -. Il premio è arrivato alla diciottesima edizione, ma siamo pronti per le prossime diciotto. Le cose belle non devono finire». «L’iniziativa pone la città all’avanguardia della musica. Da una parte è confortante vedere che il fronte degli organizzatori si è allargato – aggiunge Loriano Valentini, presidente di Fondazione Grosseto Cultura -, dall’altra non bisogna dimenticare che il premio non è solo talento proveniente dall’estero, ma anche opportunità per i giovani musicisti grossetani di esibirsi».

Il primo premio consiste in una borsa di studio di 6.000 euro offerta da Rotary Club e Fondazione Rotariana Carlo Berliri Zoppi. Il secondo premio è una borsa di studio di 3.000 euro offerta dalla famiglia Giordano in ricordo di Nicola Giordano. Il terzo premio è una borsa di studio di 1.500 euro offerta dalla famiglia Marini in ricordo di Gianni Marini. Ci sarà poi un “premio speciale miglior esecuzione di un brano di Scriabin” che consiste in una borsa di studio di 1000 euro offerta dal Lions Club Grosseto Host e un “premio speciale del pubblico” di 500 euro offerto dal Maestro Antonio Di Cristofano.

«E’ una eccellenza del territorio, un premio di grande rilievo – precisa Giuseppe Vilardo presidente del Rotary Club Grosseto -. Sposiamo questa manifestazione per i suoi principi e perché la musica è anche veicolo di pace». «Anche per noi è un grandissimo piacere accompagnare questo premio – commenta Giancarlo Ciarpi, direttore della Banca della Maremma -, è un evento di grande risalto che valorizza i giovani». «Siamo orgogliosi di aver appoggiato il premio da quando è nato – dice Manuele Manusia del Club Lions Host -, è una manifestazione che è cresciuta nel tempo e di grande valore». «Il premio Scriabin è un momento di crescita per il territorio – conclude Luigi Mansi, presidente della Fondazione rotariana Carlo Berliri Zoppi -, questa città deve decollare. Occorre lavorare per proporre Grosseto come capitale nazionale della cultura».

Durante la settimana del concorso sono previsti quattro concerti a partire dalle 20.00 al teatro degli Industri. Martedì 23 febbraio si esibirà Galina Chistiakova, dalla Russia, vincitrice del Premio Scriabin nel 2015. Mercoledì 24 si esibirà Jin Tang, dalla Cina, membro di giuria. Giovedì 25 sarà la serata dedicata ai vincitori del secondo Concorso Giovanile Città di Grosseto. Venerdì 26 si esibirà Cinzia Bartoli, pianista italiana. Sabato 27 invece, alle 17.00, il professor Ettore Candela terrà, nella sala dell’orchestra al teatro degli Industri, la conferenza dal titolo “Scriabin, i colori di Prometeo e l’utopia di un sogno». Concerti infrasettimanali e conferenza del professor Candela sono a ingresso libero.

Domenica 28 alle 17.00 ci sarà il concerto con i tre finalisti che si esibiranno, insieme all’Orchestra Sinfonica Città di Grosseto diretta da Massimo Merone, davanti alla giuria composta da Albert Mamriev dalla Russia, Marco Sollini dall’Italia, Saya Sangidorj dalla Mongolia, Sun Hwa Park dalla Corea, Yuri Bogdanov dalla Russia, Marco Vincenzi dall’Italia, Tan Jin dalla Cina e Pierre Van Der Westhuizen dal Sud Africa. Presiede Antonio Di Cristofano.

Per il concerto i biglietti sono già in prevendita al negozio Expert di Bartolucci in via dei Mille al costo di 13 euro; 10 per i soci della Fondazione Grosseto Cultura e 5 per gli under 18. I biglietti saranno acquistabili anche domenica 28 a partire dalle 16.00 direttamente al botteghino dei teatro degli Industri.

Più informazioni su

Commenti