I Maremmani nel Mondo: Raffaele, che ha lasciato tutto per seguire il vento

Più informazioni su

CALETA DE CABALO, LANZAROTE – Raffaele Andretta 38 anni, dopo un viaggio decide di lasciare tutto per seguire la passione per il surf e farne la sua professione.

Quando nasce la passione per il surf?
“Ho sempre amato il mare e ho fatto surf fin da ragazzino. Nel Settembre 2007 però un viaggio in Australia mi ha cambiato la vita, lì ho capito che il surf non era solo una passione ma volevo diventasse parte integrante della mia quotidianità. Al ritorno da questo viaggio, senza pensarci due volte, mi sono licenziato dalla banca per cui lavoravo con l’idea di trasferirmi in Australia e iniziare una nuova vita. Poi, per motivi familiari, non mi sono più potuto trasferire così lontano, ma avevo comunque capito cosa volevo e nonostante avessi dovuto cambiare destinazione, non ho mai pensato di tornare a fare un lavoro d’ufficio.”

Dopo cosa hai fatto?
“Ho cominciato a fare le stagioni come bagnino a Castiglione della Pescaia e soprattutto Ansedonia dove potevo anche fare surf.”

Come mai hai scelto Lanzarote?
“Sono venuto sull’isola per la prima volta in vacanza per fare surf nel 2002. Da quel momento è scattato qualcosa tra me e questo posto che mi sono portato sempre dentro. Dal 2008 sono tornato regolarmente ogni inverno, sempre per fare surf, ma soprattutto perché ho sentito da subito questo luogo come una seconda casa. Sono stati anni molto difficili per me e la mia famiglia, era come se Lanzarote e le persone che nel tempo ho conosciuto e con cui ho stretto amicizia, mi avessero dato luce durante quei periodi molto bui. È stato sempre un rifugio dove rigenerarmi.”

Quando hai deciso di trasferirti definitivamente?
“Ad Aprile 2014. Dopo aver sempre lavorato tra la Maremma e le Canarie, ho deciso di trasferirmi e lavorare come istruttore di surf, avendo conseguito il brevetto I.S.A. L1 nel 2010.”

Come sta andando?
“Bene, questa è veramente la mia seconda casa, ho molti amici, una sorta di famiglia allargata per me, ma soprattutto posso surfare tutti I giorni, che è la cosa che mi rende più felice.”

Quali sono, per te, I pregi e quali I difetti di Lanzarote?
“Lanzarote è un’ isola bellissima da un punto di vista naturale, è sempre caldo e c’è sempre il sole. E’ un posto meraviglioso e molto semplice nelle sue usanze e nella sua cultura. Questo per alcuni aspetti può anche essere un difetto, gli abitanti dell’isola sono abituati ai turisti, ma anche molto legati alle proprie tradizioni e spesso poco aperti sia alla diversità che al cambiamento. Dove vivo io, a Caleta de Cabalo, non c’è nulla tranne la natura e le onde per fare surf, questa meraviglia paesaggistica porta con sé le difficoltà di ogni luogo un po’ selvaggio…sono due facce della stessa medaglia, bisogna imparare a starci in mezzo!”

Che progetti hai per il futuro?
“Sto lavorando per mettere su una surf house. Sto cercando l’immobile giusto per farlo, ma come ogni progetto imprenditoriale richiede tempo e denaro. L’idea è proprio quella di accogliere surfisti professionisti o amatoriali da tutto il mondo, una vera e propria casa vacanze per coloro che vogliono praticare questo sport o vogliono lezioni di surf.”

Torni spesso in Maremma?
“Quando posso e volentieri per vedere I miei amici e I miei affetti. Vengo a trovare mio padre, che comunque viene con piacere a fare le vacanze qua da me, mia sorella Chiara ed il mio cane Ernesto che mi manca tantissimo.”

Più informazioni su

Commenti