Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sistema apre le porte della nuova sede: area riqualificata e risparmio sugli affiti fotogallery video

GROSSETO – Presentata questa mattina la nuova sede unica della Società “Sistema”, la Partecipata al 100% dal Comune di Grosseto che dal 2014 ha incorporato la Grosseto Parcheggi, Investia e la San Lorenzo Servizi. Sistema ha ristrutturato l’ex Mattatoio comunale che si trova nell’area del Foro boario. L’intervento di ristrutturazione di quella che in precedenza è stata anche sede del “cantiere comunale” è costato circa 1 milione di euro, pagato con un mutuo di 15 anni, ampiamente compensato dagli affitti risparmiati (circa 100mila euro, 8mila al mese).

Nuova sede di Sistema - ex Mattatoio

L’area interessata dall’intervento è di circa un ettaro e ospita un edificio a due piani per complessivi 600 metri quadri e in cui sono stati sistemati gli uffici, e otto capannoni, di cui tre ospitano il cantiere delle manutenzioni comunali e il magazzino della Chelliana, prima in via Topazio (anche per il Comune un risparmio di oltre 50mila euro l’anno in spese per affitti).

«L’operazione di razionalizzazione delle partecipate del Comune di Grosseto – ha rivendicato il sindaco Emilio Bonifazi – ha visto nella nascita di “Sistema” un successo indiscutibile. Oggi la società rappresenta un punto di riferimento fondamentale in città avendo fatto risparmiare soldi sia con la riduzione di amministratori e compensi, sia attraverso un classico esempio di economia di scala derivante dall’avvenuta riunificazione delle tre realtà precedenti. E grazie a Sistema – ha concluso Bonifazi – prosegue l’opera di recupero di tutti quegli edifici che sono pubblici (Terme di Marina, Mattaoio, Clarisse, Chelliana…), a differenza di altri sui quali, essendo privati, non possimo fare molto».

Nuova sede di Sistema - ex Mattatoio

«Il recupero di questo spazio da parte di “Sistema” – ha commentato l’assessore ai Lavori pubblici, Giuseppe Monaci – contribuisce a riqualificare questa zona, che è in crescita, della città. Proprio in questi giorni abbiamo anche dato il via ai lavori per rifare il manto stradale e alcuni marciapiedi della parallela viale Europa, nel tratto da via Carnicelli all’Aurelia nord. Siamo ogni giorno impegnati, anche al fianco di Sistema, al servizio della città».

«Prossimamente organizzeremo un open day aperto alla cittadinanza – afferma il presidente di Sistema Gabriele Fusini -. Nel 2015 il fatturato è stato di 11 milioni di euro, il bilancio è in pareggio e forse anche con un leggero utile (per una società pubblica l’importante è fare risparmio). Dal 2012 ad oggi sono stati risparmiati 850 mila euro l’anno. Diminuiti i costi dei dipendenti, ottimizzando il lavoro è venuta meno la necessità di straordinari».

Per quanto riguarda il campeggio, che è tornato nelle mani di Sistema, l’intento è ovviamente la vendita già dal 2017 (per un valore di 10 milioni di euro), ma intanto ci si prepara alla stagione estiva 2016. La scorsa estate, nonostante Sistema sia subentrata a marzo, c’è stato comunque un utile di 180 mila euro.

Tornando al Foro boario la prima opera ha riguardato la bonifica dell’area tra amianto e celle, quindi il consolidamento della palazzina direzionale che da un lato tendeva a sprofondare. 19 le aziende coinvolte nella ristrutturazione e bonifica anche se il grosso è stato fatto proprio dagli operai di Sistema, cosa che ha consentito di contenere i costi.

Società Sistema Srl – Sistema Srl gestisce le aree di sosta lungo strada e 3 parcheggi in struttura con impianto di automazione (per complessivi 1200 posti auto, quasi 2mila in estate), 5 cimiteri, 10mila punti luce della rete di illuminazione pubblica, poi ha la gestione del campeggio e del Teatro Moderno, il servizio affissioni e la gestione della segnaletica stradale, che proprio in queste settimane ha visto realizzato il piano di complessivo ammodernamento. Ma oggi Sistema Srl si occupa di tante altre cose tra cui: la manutenzione dei 200 ettari, dei 39 parchi per bambini e delle quasi 40mila piante del verde pubblico e ancora la gestione dei 90 pozzi comunali, di cui decine rifatti “ex novo” con un investimento di 400mila euro tra il 2014 e il 2015.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.