Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“4 Ristoranti”, Pitigliano protagonista della trasmissione Sky di Alessandro Borghese

Più informazioni su

PITIGLIANO – Andrà in onda domani sera su SKY Uno la puntata del programma televisivo “Alessandro Borghese 4 Ristoranti” con protagoniste (anche) le terre del tufo. A contendersi la vittoria in quella che è la penultima puntata per questa stagione “L’Hosteria di Pantalla” di Lucia Andreani, ristorante/trattoria a gestione familiare situato a pochi kilometri da Pitigliano.

Oltre all’osteria pitiglianese saranno in gara per la migliore “Trattoria di confine” la trattoria “Da Gianfranco” (Trevinano, Viterbo), la trattoria “Da Ciccio alla Capannaccia” (Acquapendente, Viterbo) e il “Duca di Orvieto” (Orvieto) per una puntata che vede protagoniste tre regioni italiane. Come da copione Borghese si recherà nei quattro ristoranti accompagnato dagli altri tre proprietari. A giudizio vi saranno la location, il servizio, il menù e il conto.

“Siamo state contattate circa dieci giorni prima che si registrasse il programma-racconta Silvia Chiatti, figlia della proprietaria dell’Hosteria di Pantalla-tra il 4 e l’8 dicembre per la precisione. Inizialmente ci hanno richiesto una mail con una breve cronistoria della nostra osteria, poi ci hanno fatto fare una telefonata via Skype che somigliava tanto ad una piccola intervista”.

Ancora una volta Pitigliano sarà protagonista in tv con le sue armi migliori cibo, ristorazione, tradizione: “Sono fiera di rappresentare il lato toscano dell’Etruria, questa terra di confine tra Toscana, Lazio e Umbria che lo staff di ristoranti ha individuato – continua la proprietaria pitiglianese-Borghese stesso è rimasto stupito da quanto cambino le tradizioni culinarie, i nomi dei piatti (anche gli stessi), il gusto dei vini e degli olii anche a distanze così ravvicinate solo perché si appartiene a regioni e provincie diverse. Mi viene in mente il “Baffo” ad esempio, mangiato da Adler (Duca di Orvieto), in pratica il guanciale del maiale (che lei prepara in un modo veramente particolare) ma chi l’ha mai chiamato così?”.

Un’esperienza stimolante e allo stesso tempo stressante nell’era dei reality e dei coking show televisivi sempre più presenti nei palinsesti. “Aldilà di come sia poi andata la puntata e quindi di chi sarà il vincitore, io mi sono sia stancata che divertita-conclude Silvia. Divertita a fare la cliente in altri ristoranti per tre giorni consecutivi e stancata quando li ho ospitati nel mio. Non è semplice avere le telecamere puntate addosso, non è facile lavorare in modo naturale quando hai le telecamere a cinque cm dalle tue mani ed altre persone che dettano i tuoi tempi. Spero che abbiano fatto delle belle riprese di Pitigliano, che Borghese stesso ha molto elogiato”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.