Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Regolamento urbanistico, Bonini «Ha votato anche chi era in conflitto di interessi»

Più informazioni su

MAGLIANO IN TOSCANA – «Non ci meravigliamo che il sindaco Cinelli non riconosca le coppie di fatto, neanche se sono un uomo ed una donna, ci stupiamo del fatto che non riconosca invece l’opportunità di evitare un conflitto di interessi, anche se forse non ancora codificato, nel far approvare una variante urbanistica alla convivente di un soggetto interessato direttamente dalla variante». A parlare è Eva Bonini del gruppo di opposizione in consiglio comunale Viva Magliano Viva.

«Francamente non comprendiamo come possa spiegare ai cittadini questa scelta, non comprendiamo come poche settimane fa abbia chiesto alla sua capogruppo Vichi di uscire dall’aula durante la votazione e oggi, per lo stesso medesimo atto, abbia consentito che la Vichi rimanesse in aula. L’unica ragione, che ovviamente non condividiamo – prosegue Bonini -, sta nella necessità di avere il numero legale che altrimenti, proprio per i troppi interessi dei suoi consiglieri comunali, non sarebbe stato garantito. Di tutto ciò siamo stupiti, ma fino ad un certo punto: del resto questa variante al RU cura più gli interessi della politica, dentro e fuori il Palazzo, che quelli dei cittadini e del territorio».

«Noi di VMV siamo in disaccordo con la visione globale del suo governo del territorio; con la mancanza di trasparenza; con l’autoritarismo che emerge dal comportamento di questa amministrazione e col mancato coinvolgimento della minoranza e della cittadinanza – prosegue la consigliera di opposizione -. Per queste ragioni non abbiamo votato la variante. Un atto, secondo noi, scellerato e dannoso per l’intera collettività. Un atto che permetterebbe nel 2016 la costruzione in un’aerea stupenda della nostra campagna di uno svillettamento in pieno stile anni 70 in cambio dell’acquisizione al patrimonio comunale di una discoteca in disuso: un gran bell’acquisto. Tutto ciò e molto altro che non va in questa variante noi continueremo a denunciarlo, anche se il primo cittadino tenta, minacciando querele, di chiuderci la bocca.
Infine, per quanto riguarda i lavori messi in cantiere ringrazi i progetti ed i soldi trovati in comune quando è arrivato, risorse che la vecchia amministrazione non ha potuto spendere per i vincoli della legge di stabilità, che solo quest’anno il governo ha liberato, come tutti sanno».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.