Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Documenti, testimonianze, oggetti: “La Maremma racconta la grande guerra”

Più informazioni su

GROSSETO – Tre giorni per mantenere viva la memoria, ma anche per approfondire, documentarsi e conoscere qualcosa in più del doloroso evento storico della prima guerra mondiale. A distanza di cento anni dall’evento, documenti, testimonianze e oggetti parlano del primo conflitto mondiale che ha interessato anche la Maremma. Proprio per questo l’iniziativa dal titolo “La Maremma racconta la grande guerra”, promossa e organizzata dalla Prefettura di Grosseto insieme al Comune, ripropone il tema da giovedì 28 a sabato 30 gennaio. Palcoscenico principale la Prefettura di Grosseto, con approfondimenti che si terranno al teatro degli Industri e al ridotto di via Mazzini.

«In Maremma questa guerra non è stata combattuta, ma hanno combattuto i suoi figli. Qualcuno è tornato, altri purtroppo no – precisa il vice prefetto vicario Luigi Manzo -. Anche la Maremma, quindi, ha pagato il suo prezzo come tutta l’Italia. Abbiamo scelto di promuovere questa iniziativa che ha ricevuto la concessione del logo ufficiale di interesse nazionale da parte del Consiglio dei ministri, in modo da far conoscere gli aspetti meno noti di questo conflitto».

La tre giorni si svolgerà in collaborazione con la Provincia, l’ufficio scolastico provinciale, il Cemivet, il 4° Stormo, il Reggimento Savoia Cavalleria, l’ufficio circondariale marittimo di Porto Santo Stefano, i Carabinieri, l’Archivio di Stato, l’Isgrec, la Croce Rossa, i Vigili del Fuoco, il Corpo forestale dello Stato. Tanti soggetti che daranno un contributo.

«L’iniziativa servirà a rendere vivi alcuni momenti del passato – precisa il sindaco Emilio Bonifazi -. Abbiamo aderito con grande piacere, anche perché la grande storia si racconta attraverso i racconti delle piccole comunità. Purtroppo poco è cambiato, nel senso che a livello mondiale sono ancora tanti i conflitti». «Storie e cultura, passato e presente, arte e letteratura, attraverso questi intrecci ci saranno interessanti momenti di approfondimento – dice l’assessore comunale Giovanna Stellini -. Ci fa piacere vedere che le scuole hanno già dato la loro adesione numerosa, l’invito ovviamente è esteso a tutta la cittadinanza».

Le sale di piazza Rosselli, nel palazzo della Prfettura, accoglieranno l’esposizione articolata in due settori: uno curato dagli enti militari e dalla Croce Rossa, con materiali d’epoca, fotografie, mezzi e divise. L’altro curato dagli enti pubblici e dalle scuole, contestualizzerà il dramma della guerra nella realtà locale, con le ripercussioni sul territorio.

Nel cartellone degli eventi sono previsti anche altri appuntamenti. Al teatro degli Industri andrà in scena la rappresentazione “La guerra infinita”, in programma venerdì’ 29 alle 11. Al ridotto del teatro, sabato 30 alle 17, ci sarà la presentazione del libro “Teatri di guerra”. Sempre al ridotto, per tutti e tre i giorni, sarà possibile assistere alla mostra di manoscritti risalenti alla grande guerra, con orari dalle 9 alle 12.30 e dalle 15 alle 19. La mostra alla Prefettura sarà aperta dalle 9 alle 12.30 per le scolaresche e dalle 15 alle 19 per la cittadinanza. L’ingresso è gratuito su prenotazione obbligatoria. Per prenotarsi si può contattare i numeri 0564-488783, 0564-488584, 0564-488599 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12.30, oppure inviare una mail all’indirizzo serviziocivile@comune.grosseto.it, la visita guidata alla mostra durerà circa un’ora.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.