Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Orbetello verso le primarie. Nel centrosinistra sfida a quattro. Ecco i papabili

ORBETELLO – Elezioni amministrative in riva alla Laguna di Orbetello che si stanno sempre più decisamente dirigendo verso una anteprima costituita dalle primarie di coalizione del centro sinistra. Primarie che, secondo le fitte voci che si rincorrono negli ambienti politici, potrebbero essere addirittura a quattro nomi.

In primis la sindaco uscente, Monica Paffetti, che al momento non sembrerebbe essere riuscita a ricompattare tutto il Pd sul suo nome e che per questo potrebbe essere chiamata al confronto anche con le altre correnti democratiche lagunari che fanno capo sia all’ex-assessore all’urbanistica, Alessandro Ragusa, che all’ex membro dei Democratici Veri, Mauro Barbini, risultato, sempre secondo le voci di partito, il migliore del Pd tra coloro che furono inseriti nel sondaggio telefonico dello studio Ipsos svoltosi tra la popolazione nello scorso novembre. Il quarto nome sarebbe un rappresentante delle liste “Civiche Unite” che, tutto lascia pensare, dovrebbero convergere sull’attuale assessore ai lavori pubblici, Mario Chiavetta. In pratica un poker di nomi che potrebbe permettere al Pd di creare un raggruppamento ben nutrito da opporre sia al M5S, forte dell’incrementato feeling nazionale che, soprattutto, al centro destra di Andrea casamenti che si è ben presentato all’Auditorium, una ventina di giorni fa.

Aggregazione politica, insomma, che pare una necessità e che viene confermata anche dai vertici del Pd: «Stiamo lavorando alacremente per creare un ampio fronte politico comune che possa appoggiare un valido programma condiviso – dice il segretario dell’Unione Comunale, Cristiano Vadi – una necessità fondamentale per tutto il centro sinistra orbetellano in vista dell’importante appuntamento delle prossime amministrative di primavera. Per questo stiamo valutando tutti i contributi di coloro che hanno sempre fatto parte della nostra area politica di riferimento. Certo è innegabile – conclude lui – che l’ideale sarebbe stato convergere su un solo ed unico nome di candidato a sindaco».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.