Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il Grifone corre verso la Sardegna. Punti pesanti in palio nello scontro diretto

Più informazioni su

GROSSETO – La doppia trasferta in Sardegna non sarà una resa di conta, ma certamente darà indicazioni importanti sul futuro che attende il Grosseto in questo campionato. E’ soprattutto il prossimo appuntamento a far da cartina tornasole per i biancorossi, impegnati in quel di Nuoro per uno scontro diretto. La Nuorese è agganciata al treno dell’alta classifica e insegue la squadra di Giacomarro a sole tre lunghezze di distanza. Un confronto, quello in terra sarda, che sarà quindi importantissimo anche per i padroni di casa. All’andata finì 3-3 in una partita rocambolesca giocata allo Zecchini, ricca di colpi di scena e occasioni da rete.

A Nuoro, con molta probabilità, le due squadre si affronteranno con meno spavalderia e maggiore senso tattico. Giacomarro dal mercato ha ricevuto il portiere under che tanto invocava e contro il Trastevere ha mandato in campo una versione del Grosseto piuttosto propositiva, con un centrocampo votato all’offensiva. In tal senso l’esperimento di vedere assieme Zotti e Olivieri, due giocatori dall’ottima visione di gioco e dalla spinta offensiva, ha funzionato. Non bisogna dimenticare però, che gli avversari sono rimasti menomati dal 23′ del primo tempo incassando, nello stesso minuto, il gol su rigore di Zotti e l’inferiorità numerica. Occorrerà vedere, quindi, se il tecnico siciliano si affiderà ancora a questa modalità, oppure sceglierà una versione più “coperta”, ripescando Vaccaro, tenuto a riposo mercoledì, e un portiere esperto come Lanzano, senza dimenticare Nichele, elemento che potrebbe aggiungere centimetri e forza fisica alla mediana.

Ipotesi tattiche che però non dovranno intaccare la mentalità della squadra che alcuni passaggi a vuoto, piuttosto inquietanti, li ha manifestati proprio in trasferta. Successe a Rieti, con tanto di scuse del caso per la sconfitta di misura, successe ad Arzachena con un 4-0 che successivamente dette grande spinta ai biancorossi, è successo anche a Civita Castellana, ultima trasferta nefasta del 2015 del Grifone. Appare evidente che non dovrà succedere a Nuoro, la dirigenza, con il presidente Max Pincione in testa, è stata chiara, cercando di arginare tutte le turbolenze societarie di un Natale non tanto tranquillo e aumentando la pressione nei confronti della squadra. La risposta dei giocatori è arrivata sul campo rispedendo la palla al mittente con un segnale chiaro: il gruppo è con il mister. Testimonianza ne sono le esultanze dopo le reti, con corse e abbracci verso la panchina. Non è da escludere che questo stato d’animo, alla fine, sia un bene sulla strada che porta al vertice del campionato.

(foto tratta da www.fcgrosseto.com)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.