Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Marrini «La caserma dei carabinieri nel degrado tra erba alta e sporcizia»

Più informazioni su

FOLLONICA – «La caserma dei carabinieri di via Bicocchi è vuota solo da alcuni mesi, dopo il trasferimento dell’Arma nella nuova sede alla 167 Ovest, ma l’amministrazione comunale follonichese non ha perso tempo: già sta lasciando cadere nel degrado la vecchia struttura, tra erba alta e sporcizia che si accumula all’esterno del fabbricato in pieno centro». Così sandro Marrini, capogruppo di Forza Italia a Follonica parla della caserma.

«C’è da augurarsi un’inversione di tendenza, altrimenti si rischia di far cadere lo stabile nell’abbandono totale, per ritrovarsi poi costretti a interventi di manutenzione straordinaria anche molto costosi per il Comune – prosegue Marrini -. E di edifici in queste condizioni, a Follonica, ce ne sono già troppi. Inoltre ci chiediamo, visto che sindaco e assessori ancora non hanno preso posizione, quali siano i progetti per il futuro della caserma, che si trova in un luogo centrale della città: speriamo – ci sia concessa una battuta, seppur su una questione seria – che il centrosinistra non ne approfitti per destinarla all’emergenza abitativa, visto che ormai la giunta Benini sembra disposta a rinunciare a ogni tipo di iniziativa imprenditoriale pur di trasformare edifici strategici del patrimonio pubblico in alloggi da destinare alle famiglie con disagi economici».

«Basti pensare alla Colonia marina che, se data in concessione temporanea a un privato, sarebbe il punto ideale per accogliere un grande albergo o comunque un’attività ricettiva sul mare, creando ricchezza e lavoro, mentre sindaco e assessori hanno deciso di partecipare a un bando per trasformare parte della struttura in alloggi per l’emergenza abitativa. Chiediamo che la caserma dei carabinieri di via Bicocchi non faccia la stessa fine e che venga assicurato fin da subito un piano di manutenzione ordinaria che non faccia finire quell’area in stato di abbandono. Anche perché per vederla nuovamente abitata, o comunque riutilizzata – conclude -, pare che servirà del tempo».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.