Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Economia verso l’anno nuovo, Cna: «Restano in piedi i vecchi problemi»

Più informazioni su

GROSSETO – Con l’approvazione del cosiddetto milleproroghe il Governo ha compiuto l’ultima fatica dell’anno. Sarà al Parlamento, in sede di conversione, a introdurre le modifiche ritenute necessarie. Le norme inserite nel milleproroghe si prestano a una “doppia” lettura secondo la Cna di Grosseto: le buone e le cattive notizie, infatti, si rincorrono determinando motivi di soddisfazione e al tempo stesso di delusione.

«Numerosi gli esempi che, a sostegno di questo giudizio potrebbero essere portati: alle positive novità costituite dall’abolizione della tassa di possesso sulle imbarcazioni da diporto, all’incremento della franchigia Irap; alla proroga delle agevolazioni per le ristrutturazioni edilizie e la riqualificazione energetica degli edifici, all’introduzione del super ammortamento, all’allentamento del patto di stabilità interno degli enti locali e alla proroga degli incentivi per le assunzioni si sono contrapposte, purtroppo. una serie di misure di segno opposto – spiega il direttore Renzo Alessandri -. Emblematico il caso del Sistri: il milleproroghe ne ha prorogato di un anno operatività e adeguamento, l’utilizzo del sistema telematico è stato mantenuto facoltativo, mentre il contributo annuale non è stato né soppresso né sospeso. Ne consegue che, ancora una volta, le aziende saranno chiamate a pagare i costi di un servizio a dir poco effimero».

A giudizio della Cna l’apparato sanzionatorio del Sistri dovrebbe essere sospeso  dal primo gennaio e in sede di conversione il milleproroghe potrebbe disporre in tal senso evitando, alle imprese, maggiori costi e ulteriori problemi.

Adempimenti a dir poco “cervellotici” hanno poi interessato le aziende che operano la revisione degli autoveicoli. All’aumento dei diritti dovuti alla Motorizzazione non ha fatto seguito l’aggiornamento dei sistemi informatici: di conseguenza, le aziende del settore, non potendo più pagare i diritti in via telematica sono costrette a “fare la fila” negli uffici postali. «Il risultato somma tre effetti negativi in un colpo solo: meno revisioni, meno sicurezza e meno ricavi – spiegano da Cna -. Merita di essere sottolineato, al riguardo, che le tariffe relative alle revisioni sono ferme dal 2007. Il ministero avrebbe dovuto rivederle annualmente (in base all’adeguamento Istat) ma l’impegno è stato ripetutamente disatteso».

Un vero e proprio “sgambetto” alle imprese è rappresentata dalla trasformazione delle  detrazioni per  la riqualificazione energetica dei condomini in crediti d’imposta cedibili alle imprese che hanno eseguito i lavori. «Una proposta assurda e punitiva: i crediti di imposta, infatti, sono recuperabili in dieci anni e le imprese, anche se il legislatore sembra spesso dimenticarlo, non possono certo sostituirsi alle banche – aggiungono -. Lo svarione normativo è sotto gli occhi tutti. Come si può sottovalutare la “montagna” di crediti d’imposta che le imprese, in gran parte piccole e micro, andrebbero ad accumulare. La trasformazione volontaria del beneficio fiscale sulla riqualificazione energetica in credito cedibile sarebbe la soluzione migliore. La Cna, non a caso, avanza da tempo la proposta di rendere subito spendibile la rata di detrazione decennale cedendo il credito fiscale alle banche. Non è un’ipotesi impossibile: il Governo e il Parlamento la accolgano».

Gli effetti della situazione descritta sono riscontrabili nei numeri: nei primi dieci mesi dell’anno, in Toscana, sono nate 6.900 imprese artigiane e ne sono cessate oltre 7.700; in Maremma, a fronte di 313 iscrizioni abbiamo avuto ben 356 cessazioni. La mortalità, anche nel corso di quest’anno, supera ampiamente la natalità. Non certo casualmente un rapporto fresco di stampa della Banca Mondiale colloca l’Italia al 137 esimo posto tra 189 paesi del mondo. Se si considera che il modello di analisi utilizzato dai ricercatori prende a base un’impresa tipo con 60 dipendenti si comprendono due cose fondamentali: prima di tutto che il modello utilizzato non è applicabile all’Italia e subito dopo che se il modello tenesse conto della realtà italiana il nostro Paese “sprofonderebbe” ulteriormente nella classifica dei  peggiori.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.