Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cenoni di Natale: per le feste 3 chef su 4 hanno scelto il pesce azzurro

GROSSETO – Ha trovato pesce azzurro nei menu di queste feste la grande maggioranza degli italiani che ha consumato al ristorante la cena di Natale. Declinato in tantissime proposte, tradizionali e innovative, ma comunque pesce azzurro: quello che comunemente ed erroneamente viene definito il pesce “povero”.

Lo assicura una recentissima indagine condotta a livello nazionale le da CNA; una indagine da cui risulta che tre cuochi su quattro punteranno senza riserva sul pesce azzurro: così’ ha risposto il 78 per cento del campione (che nel caso delle cuoche ha raggiunto l’85 per cento).

La ricetta più gettonata? Secondo le previsioni degli chef, sarà il risotto tricolore, mantecato al basilico e alle triglie.

Una tendenza che si muove nel solco delle preferenze dei consumatori italiani. Le stime Ismea-Nielsen indicano che quest’anno, a fronte di un incremento dei consumi agro-alimentari pari allo 0,3 per cento, la crescita dei prodotti del mare ha toccato il 4,6 per cento. Anche nel 2014 ai consumi food&beverage in contrazione si è contrapposto un +2,1 per cento di pesce e molluschi, crostacei e frutti di mare.

«Alla passione per i prodotti ittici scoppiata negli anni novanta (fino agli anni ottanta, infatti, il pesce era appannaggio delle località marine e della fascia più alta di consumatori) – speiga Renzo Alessandri, direttore di Cna – fa riscontro un calo del pescato. Oggi tre quarti del fabbisogno interno viene importato. Fa eccezione il pesce azzurro. Alici e ricciole, sgombri, triglie e spatole rappresentano, secondo stime ricorrenti, tra il 40 e il 50 per cento del pescato nel nostro Paese. Una riserva di salute.»

«Medici e nutrizionisti concordano, non da oggi, sulle indiscusse qualità del pesce azzurro. Mantiene sano il cuore, sveglio il cervello, in forma il corpo. E sostiene il buonumore. Ha, infatti,  un contenuto di proteine equivalente alla carne. E’ molto ricco di amminoacidi essenziali e, quindi, è un ottimo integratore proteico. Ha un basso contenuto di grassi e di calorie. Soprattutto è ricco di omega3 essenziali, fondamentali per lo sviluppo cerebrale, la fluidificazione del sangue, la regolarizzazione ritmo-cardiaca, l’azione antinfiammatoria e anti depressiva».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.