Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bellacchi: «Sì al taglio delle piante per limitare i rischi di alluvione»

GROSSETO – Il Presidente del Consorzio Bonifica 6 Toscana Sud Fabio Bellacchi, a seguito della nota inviata dal Comitato Ultima chiamata relativa alla situazione del litorale grossetano dopo l’alluvione dell’Agosto 2015 commenta: “Condivido le istanze del comitato, che ha stigmatizzato quanto sia importante un controllo ed una gestione capillare del reticolo idraulico, al fine di impedire che non si verifichino più eventi come quello dell’estate 2015. Il danno per la Maremma è stato enorme sia dal punto di vista ambientale, che economico e d’immagine. Da sempre ho ribadito la mia opinione sull’opportunità del taglio della vegetazione senescente e rigida presente negli alvei di fiumi e fossi, a maggior ragione a seguito di questo evento calamitoso non posso che rafforzare la mia posizione a proposito. Questo tipo di vegetazione non può che creare danni quando, sradicata e spinta dalla forza delle acque, lascia al posto dell’apparato radicale voragini pericolosissime per l’assetto dell’asta fluviale, blocca le luci dei ponti e si riversa nelle pianure e sulle coste. L’impegno del Consorzio di Bonifica è rivolto ad assicurare il corretto deflusso delle acque dei corsi d’acqua di nostra competenza, attraverso il mantenimento della sezione dell’alveo a quello degli argini, la pulizia delle sponde dalla vegetazione non flessibile e dai sedimenti che regolarmente innalzano il livello del letto del fiume, il tutto attraverso progetti, studi e ricerche di alto livello tecnico e scientifico”.

Il Presidente Bellacchi conclude con una dichiarazione che riguarda i lavori sul fiume Albegna: “Siamo molto soddisfatti di come stanno procedendo i lavori per la costruzione dell’argine remoto, che sono stati di fatto completati nel territorio mancianese e che sono iniziati anche stanno per iniziare nel comune di Orbetello. L’infrastruttura, indispensabile per migliorare la sicurezza della piana dell’Albegna, dimostra come la collaborazione tra la Regione Toscana e il Consorzio di Bonifica 6 Toscana Sud abbia dato ottimi risultati in termini di qualità dei lavori e di tempi di esecuzione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.