Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Furti a ripetizione sull’Amiata. Il comitato di frazione chiede l’intervento del sindaco

BAGNORE – Oltre 50 cittadini hanno preso parte alla riunione organizzata dal comitato frazione di Bagnore per parlare del problema della sicurezza alla luce dei numerosi furti che si sono verificati negli ultimi mesi sull’Amiata. Atti di microcriminalità che hanno colpito soprattutto gli anziani e le persone che vivono da sole.

“La paura si sta diffondendo tra la popolazione – commenta Marilena Lorenzoni,  presidente del comitato frazione di Bagnore – e la sensazione di insicurezza pervade soprattutto le persone anziane e sole, tanto da intensificare le telefonate alle forze dell’ordine per ogni minimo sospetto. Non si vive più con la tranquillità di una volta. Ecco perché abbiamo ritenuto necessario organizzare una riunione che fosse di denuncia e di stimolo alle istituzioni, per far sentire forte la nostra voce e comprendere cosa di concreto possiamo fare per tutelare noi stessi, le nostre abitazioni”.

Il comitato frazione di Bagnore, come riportato nel verbale redatto a fine riunione, chiede l’intervento del sindaco Federico Balocchi affinché si faccia portavoce delle richieste dei cittadini non solo in Consiglio comunale ma anche verso l’esterno, con le forze dell’ordine. In particolare il comitato chiede:

–       che le forze dell’ordine intensifichino i controlli e allontanino le persone recidive in fatti criminosi. Ad Arcidosso è rimasta solo la caserma dei Carabinieri. Un presidio importante, ma che da solo non riesce a coprire un territorio così vasto;

–       il Comune di Santa Fiora provveda quanto prima all’installazione delle telecamere nelle frazioni e investa più risorse per la sicurezza;

–       il sindaco Federico Balocchi si rivolga con una interrogazione al Governo centrale per chiedere una nuova e più stringente legge per la salvaguardia dell’incolumità delle persone e più risorse per aumentare l’organico delle forze dell’ordine presenti sul territorio.

Ai cittadini il comitato frazione di Bagnore raccomanda infine di tutelarsi con l’installazione di grate e di allarmi e un maggior controllo di vicinato per sapere chi vive sul territorio.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.