Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Dal Comune «chiarimenti superflui». Bismuto: «Strano puntualizzare su chi investe»

Più informazioni su

GROSSETO – «I chiarimenti resi dall’Amministrazione Comunale paiono del tutto superflui e non se ne comprende la ragione, essendo stata la stessa Amministrazione parte di un iter autorizzativo sempre lineare e trasparente dall’aggiudicazione del lotto al rilascio del permesso a costruire».

Così Massimo Bismuto, ad di Enegan, risponde alle precisazioni di Emilio Bonifazi sul percorso che ha portato l’azienda, che si occupa di energia, ad investire su Grosseto.

«Dispiace che le mie parole siano state male interpretate dal Sindaco Emilio Bonifazi, al punto da dover precisare un aspetto che ritenevo e ritengo scontato in questa vicenda. Il mio voleva essere solo un sincero ringraziamento a coloro che, dal primo momento, hanno accolto di buon grado il progetto di Enegan di investire nel territorio, soprattutto per il bene di una collettività “già messa in ginocchio” dalla chiusura di aziende storiche e sulle quali vicissitudini, gli stessi amministratori di oggi che si dimostrano risentiti per il mio comunicato, hanno potuto nei fatti, cambiare veramente ben poco».

«L’unico rimprovero che mi posso muovere è quello di non aver ringraziato espressamente tutta l’Amministrazione Comunale ed in primis il primo cittadino Bonifazi e alcuni altri amministratori anch’essi felici di tale progetto fin dal suo inizio e colgo l’occasione di scusarmi per tale mancanza. Voglio precisare infine che, l’esplicito ringraziamento al vicesindaco Borghi è stato fatto unicamente perché, anche lui, durante le ferie estive, come ricordato dallo stesso Sindaco Bonifazi, 7 agosto rilascio del permesso a costruire, 24 agosto inizio lavori, è stato presente recependo l’importanza della ricaduta occupazionale sul territorio».

«Date per me significative e importanti per la concreta realizzazione di quanto oggi è sotto gli occhi di tutti».

«Si tratta di un progetto che riguarda la collettività, trovo strano e insolito che si senta la necessità di puntualizzare aspetti alla luce del sole, su contesti che creano opportunità di lavoro come quello di Enegan.

Pur ritenendo con tali precisazioni, di aver chiarito ogni possibile dubbio ulteriore, non posso nascondere la mia amarezza e delusione per quanto accaduto, tale da farmi riflettere sull’investimento fatto anteponendolo a mille altri».

«Concludo rinnovando ancora il mio sentito ringraziamento a tutti coloro che hanno consentito la realizzazione del “Centro servizi Enegan.”».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.